ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Superallenamento: cos'è e le 6 Cause Principali che lo Provocano

data di redazione: 12 Maggio 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Superallenamento: cos'è e le 6 Cause Principali che lo Provocano

Il rimedio al superallenamento si pensa sia il riposo forzato: sì ma attenti agli effetti collaterali

Il "superallenamento" o "overtraining" è una condizione che di solito si accompagna a uno stato di sovraffaticamento fisico e mentale dovuto alla scarsa capacità dell'organismo, in tali circostanze, di produrre adattamenti e risposte adeguate al carico complessivo dell'allenamento.

 

In condizioni normali lo stato di fatica che si avverte durante e dopo l'allenamento viene recuperato in un tempo relativamente breve, se il carico somministrato non è particolarmente intenso o se è un carico al quale il soggetto è già abituato.

In presenza di carichi di una certa intensità, l'affaticamento comporta dei tempi di recupero più lunghi che vanno dalle 24 alle 48 ore; generalmente, passato tale periodo, la situazione torna gradualmente alla normalità. L'affaticamento è quindi un processo naturale e fisiologico se i carichi somministrati per l'allenamento risultano adeguati alle capacità di adattamento dell'individuo.

 

Non sempre ci si allena con la dovuta correttezza, e talvolta vengono trascurate quelle regole fondamentali che sono alla base di una razionale strutturazione dell'allenamento. Infatti, un errato dosaggio dei carichi di allenamento, considerato tra i pricipali fattori in grado di provocare lo stato di superallenamento, nuove tanto all'atleta esperto (poiché diminuisce le sue capacità di prestazione) quanto al principiante (che non è in grado di realizzare gradualmente gli adattamenti previsti al lavoro).

 

ALCUNI FRA I PRINCIPALI FATTORI IN GRADO DI COMPROMETTERE UN FAVOREVOLE ADATTAMENTO AL CARICO DI LAVORO

  1. Errata utilizzazione dei tempi di recupero, in relazione all'intensità dell'allenamento e alle capacità del praticante
  2. Carichi di lavoro eccessivi
  3. Allenamenti intensi, complessi e frequenti
  4. Rapido aumento dei carichi di lavoro senza un graduale e progressivo tempo di adattamento
  5. Eccessivo numero di competizioni ravvicinate nel tempo (nella pratica sportiva agonistica)
  6. Monotonia e ripetitività delle esercitazioni

 

 

Si aggiungono, infine, tutte quelle situazioni relative a uno stile di vita non proprio salutare dovuto ad abitudini non troppo corrette (stato di salute generale, tipo di alimentazione, qualità del riposo, condizioni e impegni lavorativi, ambiente familiare e sociale, ecc.).


Se siete preoccupati della vostra forma fisica e del vostro rendimento ateltico, la prima cosa da fare è saper distinguere uno stato di fatica normale e temporaneo da uno stato di affaticamento permanente. Quando si è molto stanchi e si ha un calo nella prestazione, si può permanere in tale condizione più o meno a lungo.

 

Gli episodi di insonnia costiutiscono segnali importanti di una condizione di particolare affaticamento: in caso di superallenamento (o di sedute di lavoro particolarmente impegnative), diventano continui e non rappresentano più episodi isolati, come invece accade in stati di affaticamento temporaneo.

Inoltre, si possono riscontrare inappetenza, difficoltà di concentrazione, sbalzi di umore e aumento dell'eccitabilità nervosa.

 

Se sopraggiungono alcuni di questi sintomi è bene che riduciate un poco il carico di allenamento dedicandovi ad attvità più rilassanti che favoriscano il recupero psicofisico. Drastiche riduzioni o riposo forzato potrebbero infatti causare ulteriori problemi dovuti alla "sindrome di privazione di esercizio".

Tale sintomatologia consiste in una reazione neurofisiologica dell'organismo che, a fronte della ridotta quantità di alcune sostanze a "effetto antidepressivo" (catecolamine ed endorfine in particolare) che si producono durante e dopo lo svolgimento di un esercizio fisico, è in grado di modificare l'equilibrio organico attraverso un'alterazione del processo di termoregolazione e del meccanismo di regolazione dell'appetito e dell'umore.

Buon allenamento (usando il cervello) da ABC.



Potrebbe interessarti anche

​L'Allenamento Intenso Colpisce Il Sonno, Le Prestazioni e L'umore Degli Atleti - Ma Più Carboidrati Possono Aiutare
12 Dicembre 2015

​L'Allenamento Intenso Colpisce Il Sonno, Le Prestazioni e L'umore Degli Atleti - Ma Più Carboidrati Possono Aiutare

Ottenere abbastanza sonno è una parte essenziale del programma di allenamento di qualsiasi atleta, ma uno studio rivela che i periodi intensivi di esercizio fisico possono rendere difficile ottenere un riposo adeguato.

Immersioni subacquee
21 Febbraio 2015

Immersioni subacquee

Tre leggi fisiche da conoscere per praticare questo sport

L’immersione subacquea è uno sport  particolare,  perché chi lo pratica è obbligato a conoscere le leggi fisiche e le leggi della chimica che tutti noi a scuola abbiamo studiato. Infatti il livello base del brevetto che è richiesto per l’immersione subacquea impone di conoscere a menadito queste leggi.

Ultimi post pubblicati

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno
11 Maggio 2021

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno

Questo programma è completo ed esaustivo, in quanto è composto da schede di allenamento specifiche per l'aumento della massa e forza muscolare e altre specifiche per la definizione muscolare, mediante l'esecuzione degli esercizi più importanti ed efficaci del bodybuilding.

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine