Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Superallenamento: cos'è e le 6 Cause Principali che lo Provocano

data di redazione: 12 Maggio 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Superallenamento: cos'è e le 6 Cause Principali che lo Provocano

Il rimedio al superallenamento si pensa sia il riposo forzato: sì ma attenti agli effetti collaterali

Il "superallenamento" o "overtraining" è una condizione che di solito si accompagna a uno stato di sovraffaticamento fisico e mentale dovuto alla scarsa capacità dell'organismo, in tali circostanze, di produrre adattamenti e risposte adeguate al carico complessivo dell'allenamento.

 

In condizioni normali lo stato di fatica che si avverte durante e dopo l'allenamento viene recuperato in un tempo relativamente breve, se il carico somministrato non è particolarmente intenso o se è un carico al quale il soggetto è già abituato.

In presenza di carichi di una certa intensità, l'affaticamento comporta dei tempi di recupero più lunghi che vanno dalle 24 alle 48 ore; generalmente, passato tale periodo, la situazione torna gradualmente alla normalità. L'affaticamento è quindi un processo naturale e fisiologico se i carichi somministrati per l'allenamento risultano adeguati alle capacità di adattamento dell'individuo.

 

Non sempre ci si allena con la dovuta correttezza, e talvolta vengono trascurate quelle regole fondamentali che sono alla base di una razionale strutturazione dell'allenamento. Infatti, un errato dosaggio dei carichi di allenamento, considerato tra i pricipali fattori in grado di provocare lo stato di superallenamento, nuove tanto all'atleta esperto (poiché diminuisce le sue capacità di prestazione) quanto al principiante (che non è in grado di realizzare gradualmente gli adattamenti previsti al lavoro).

 

ALCUNI FRA I PRINCIPALI FATTORI IN GRADO DI COMPROMETTERE UN FAVOREVOLE ADATTAMENTO AL CARICO DI LAVORO

  1. Errata utilizzazione dei tempi di recupero, in relazione all'intensità dell'allenamento e alle capacità del praticante
  2. Carichi di lavoro eccessivi
  3. Allenamenti intensi, complessi e frequenti
  4. Rapido aumento dei carichi di lavoro senza un graduale e progressivo tempo di adattamento
  5. Eccessivo numero di competizioni ravvicinate nel tempo (nella pratica sportiva agonistica)
  6. Monotonia e ripetitività delle esercitazioni

 

 

Si aggiungono, infine, tutte quelle situazioni relative a uno stile di vita non proprio salutare dovuto ad abitudini non troppo corrette (stato di salute generale, tipo di alimentazione, qualità del riposo, condizioni e impegni lavorativi, ambiente familiare e sociale, ecc.).


Se siete preoccupati della vostra forma fisica e del vostro rendimento ateltico, la prima cosa da fare è saper distinguere uno stato di fatica normale e temporaneo da uno stato di affaticamento permanente. Quando si è molto stanchi e si ha un calo nella prestazione, si può permanere in tale condizione più o meno a lungo.

 

Gli episodi di insonnia costiutiscono segnali importanti di una condizione di particolare affaticamento: in caso di superallenamento (o di sedute di lavoro particolarmente impegnative), diventano continui e non rappresentano più episodi isolati, come invece accade in stati di affaticamento temporaneo.

Inoltre, si possono riscontrare inappetenza, difficoltà di concentrazione, sbalzi di umore e aumento dell'eccitabilità nervosa.

 

Se sopraggiungono alcuni di questi sintomi è bene che riduciate un poco il carico di allenamento dedicandovi ad attvità più rilassanti che favoriscano il recupero psicofisico. Drastiche riduzioni o riposo forzato potrebbero infatti causare ulteriori problemi dovuti alla "sindrome di privazione di esercizio".

Tale sintomatologia consiste in una reazione neurofisiologica dell'organismo che, a fronte della ridotta quantità di alcune sostanze a "effetto antidepressivo" (catecolamine ed endorfine in particolare) che si producono durante e dopo lo svolgimento di un esercizio fisico, è in grado di modificare l'equilibrio organico attraverso un'alterazione del processo di termoregolazione e del meccanismo di regolazione dell'appetito e dell'umore.

Buon allenamento (usando il cervello) da ABC.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La Velocità e Tempo Di Reazione
08 Gennaio 2018

La Velocità e Tempo Di Reazione

Quali sono i tipi di velocità e come allenarli

La velocità è la qualità che ti permette di realizzare un qualsiasi movimento nel minor tempo possibile. Quali sono i tipi di velocità e come allenarli.

La coordinazione
29 Ottobre 2014

La coordinazione

Cos’è, come raggiungerla, come mantenerla

Qualsiasi sport utilizza condizioni spazio temporali diverse e l'acquisizione di esperienze differenti ci permette di migliorare la coordinazione. Essendo la coordinazione collegata all'intuizione e al ragionamento, è importante nel suo sviluppo non la quantità ma la qualità delle esercitazioni eseguite.  

Ultimi post pubblicati

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali
03 Giugno 2020

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali

Guida definitiva e risolutiva che vi darà una grossa mano per scolpire i vostri addominali. Nella guida avrete utili consigli su cosa mangiare, su quali esercizi scegliere ed effettuare, su quali integratori assumere, su come fare la doccia e altri piccoli suggerimenti utili.

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson
03 Giugno 2020

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson

A 53 anni suonati l'ex campione dei pesi massimi vuole rientrare a combattere (anche se solo per beneficenza): alla riscoperta di un eroe maledetto che non ha mai smesso di cercare sè stesso. Il grande ritorno pare sarà solo per beneficenza e solamente per una manciata di round. Anche l’avversario sembra ormai deciso: Evander Holyfield, il nemico di sempre.