(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Vela - Allenamento e Dieta

data di redazione: 03 Novembre 2017
Vela - Allenamento e Dieta

Vela - Allenamento e Dieta

La vela è uno sport duro. Il velista deve avere la mente ed il fisico ben preparati per poter reagire alle situazioni, spesso improvvise,  che si creano durante la regata, e ciò che fa la differenza sono essenzialmente due fattori:

  • la capacità di prevedere le condizioni di gara
  • la preparazione fisica

Il problema è che nel mondo della vela, professionismo a parte, la preparazione atletica è basata quasi sempre dalle sole uscite in barca. Ma per il velista è davvero necessaria una preparazione fisica specifica in palestra?

Come per tutti gli sport sappiamo perfettamente che l'allenamento svolto mediante carichi di lavoro adeguati e personalizzati è in grado di migliorare esponenzialmente i livelli prestativi di qualsiasi atleta. Perché non dovrebbe essere così per i velisti?

Sicuramente un buon velista deve conoscere alla perfezione i gesti tecnici che dovrà compiere in barca, le regole di regata, la strategia, ma tutto questo deve essere unito ad una preparazione fisica eccellente. Dato che le gare in questo sport quasi sempre si decidono negli ultimi metri è chiaro che i velisti devono essere ben allenati, per cui la preparazione fisica gioca un ruolo fondamentale, alla pari della destrezza tecnica e dell'esperienza.

I parametri a cui ci si deve riferire maggiormente sono essenzialmente la forza, l'agilità e la resistenza generale, in quanto i gesti che si compiono in barca durante le regate richiedono principalmente queste caratteristiche. Basta pensare ai velisti impegnati a sollevare grandi vele su alberi da una ventina di metri in pochi secondi e agli spostamenti veloci e improvvisi che devono compiere; pensare di cimentarsi in imprese del genere senza un'adeguata preparazione fisica sarebbe come andare a correre una maratona senza essersi allenati un solo giorno.

L'ALLENAMENTO FUNZIONALE DEL VELISTA

Forza e resistenza a parte, il training del velista dovrà essere composto da esercizi che impiegano tutti i gruppi muscolari, in particolare quelli del dorso, del tratto cervicale della colonna vertebrale, gli addominali, le spalle e le braccia. In ogni caso un allenamento a 360° che preveda circuiti funzionali a tempo è l'opzione migliore, in quanto è in grado di migliorare non solo la resistenza generale, ma anche l'agilità, la rapidità e la precisione dei movimenti.

Un buon metodo spesso utilizzato dai velisti professionisti quindi sono i circuiti funzionali che prevedano l'utilizzo di kettlebell, bottle rope, palle mediche, bilancieri, e non per ultimi esercizi di salto agli ostacoli. La  destrezza e l'equilibrio che si acquisisce per mezzo di questi training è fondamentale perché permette un netto miglioramento della coordinazione motoria del velista, che a sua volta la adatterà ad ogni situazione di gara. 

Il programma di allenamento che prepara il velista alla competizione dovrebbe essere strutturato con almeno tre allenamenti settimanali in circuit training, da effettuarsi nei due mesi che precedono la regata. Gli esercizi, dovrebbero andare a ricercare il movimento esplosivo, molto veloce nella fase positiva e più lento in quella negativa e devono essere approssimativamente nell'ordine delle 10-12 ripetizioni per stazione.

LA DIETA DEL VELISTA

La dieta del velista ha caratteristiche differenti dagli altri sportivi? Essenzialmente no, a parte che il velista, perdendo grandi quantità di liquidi e di sali minerali a causa dell'esposizione al sole e al vento, ha bisogno di reintegrare principalmente con acqua e sali. Quindi è d'obbligo una bottiglia d'acqua oligominerale, per reintegrare i sali, oppure integratori specifici. Il principio di base della dieta da osservare è quello di fare il pieno di carboidrati e zuccheri prima dell'allenamento, per poi reintegrare il muscolo con le proteine dopo l'allenamento. Ad allenamento finito, oltre al reintegro di proteine è bene reintegrare anche i liquidi. 

ESEMPIO DI DIETA (con allenamento mattutino)


  • Colazione: tè o caffè, latte, zucchero integrale, pane con miele o marmellata, succo d'arancia
  • 1 ora prima dell'allenamento: una banana
  • Pranzo (post allenamento): pesce al forno, 2 uova in camicia, passato di verdure, verdura mista cruda o cotta, frutta
  • Spuntino: yogurt, frutta
  • Cena: Carne, pesce, uova o formaggio; verdura a piacere, frutta

ESEMPIO DI ALLENAMENTO PER IL VELISTA

SCHEDA DI ALLENAMENTO TIPO

WARM UP - 15' ALLA MACCHINA CARDIOFITNESS EXCITE® TOP

CIRCUIT TRAINING DA 10 ESERCIZI

  • AFFONDI ALTERNATI A CORPO LIBERO 20 REPS PER LATO
  • PUSH UP 20 REPS
  • MOUNTAIN CLIMBERS 20 REPS PER LATO
  • AIR SQUAT 20 REPS
  • INVERTED ROW 20 REPS
  • PLYO SQUAT 10 REPS
  • PUSH PRESS KB 20 REPS
  • FULL SIT UP 10-20 REPS
  • PLANK 60"
  • RUSSIAN TWIST 20 REPS PER LATO

RECUPERO 4 MINUTI

RIPETERE 4 VOLTE

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

9 Buoni Motivi per Fare Riscaldamento Specifico Prima di una Gara o Incontro
01 Settembre 2015

9 Buoni Motivi per Fare Riscaldamento Specifico Prima di una Gara o Incontro

Come si prepara il nostro organismo alla competizione attraverso il riscaldamento

Innanzitutto cos'è il riscaldamento specifico? In buona sostanza è la riattivazione e ripetizione a vuoto senza carico del gesto tecnico che ci si accingerà a compiere.

Test di Cooper dei 12 Minuti per Misurare la Resistenza Aerobica e VO2 Max
18 Luglio 2018

Test di Cooper dei 12 Minuti per Misurare la Resistenza Aerobica e VO2 Max

Come calcolare il proprio livello di Resistenza semplicemente

Provate questo semplice test di idoneità per misurare la capacità aerobica.Il test di idoneità per la corsa dei 12 Minuti è stato sviluppato dal Dr. Ken Cooper nel 1968 come un modo semplice per misurare la capacità aerobica e stima del VO2 max per il personale militare. Questo semplice test viene ancora oggi utilizzato come campo di prova per determinare la capacità aerobica.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.