Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Classificazione Dei Muscoli

data di redazione: 31 Luglio 2018 - data modifica: 14 Settembre 2018
Classificazione Dei Muscoli

Classificazione Dei Muscoli

I muscoli del nostro corpo possono permettere una grande varietà di movimenti ma ciò significa che, durante alcuni spostamenti, inevitabilmente due muscoli in posizione diversa ed opposta si troveranno a “competere” tra loro, uno “tirando” un segmento del corpo in una direzione e l’altro “allungandosi” per permettere lo spostamento: i due muscoli vengono rispettivamente definiti “agonisti” ed “antagonisti”.

Affinché sia possibile il movimento, appare quindi chiaro che quando gli agonisti si contraggono gli antagonisti devono rilasciarsi necessariamente: la contrazione di un antagonista andrebbe infatti a contrastare il movimento dell’agonista, sfociando in un movimento impossibile o comunque molto faticoso ed inefficiente.

Non tutti i muscoli del corpo lavorano in “competizione” tra loro. 

In alcuni casi vari muscoli diversi collaborano per permettere lo stesso movimento, ed in questo caso vengono chiamati “muscoli sinergici” o “sinergisti di quel particolare movimento”.

Pertanto i muscoli scheletrici sulla base dei criteri funzionali di agonismo-antagonismo, stabilizzazione e sinergia possono essere classificati come:

Agonisti primari: La contrazione di questi muscoli è principalmente responsabile di un movimento (per esempio il bicipite brachiale è il muscolo agonista primario nella flessione dell’avambraccio sul braccio);

Agonisti secondari (assistenti motori): La contrazione di questi muscoli supporta l’azione degli agonisti primari (per esempio i muscoli brachiale anteriore e brachioradiale sono muscoli agonisti secondari nella flessione dell’avambraccio sul braccio);

Antagonisti: La contrazione di questi muscoli si oppone all’attività dei relativi agonisti (per esempio il tricipite brachiale è antagonista rispetto al bicipite brachiale);

Stabilizzatori (fissatori): La contrazione di questi muscoli “stabilizza” fissando un segmento corporeo, costituendo una base stabile affinché un muscolo possa attuare contraendosi la propria azione motoria (per esempio eseguendo un’estensione dell’avambraccio, con il braccio abdotto a 90° mentre il tricipite estende l’avambraccio il deltoide interviene come fissatore mantenendo l’omero fermo in posizione abdotta);

Sinergici: La contrazione dei muscoli sinergici è evocata simultaneamente nella realizzazione di un movimento (per esempio eseguendo una distensione su panca piana il pettorale, il deltoide ed il tricipite mostrano azione sinergica).

Classificazione funzionale relativa al coinvolgimento articolare Valutandone il coinvolgimento articolare i muscoli possono essere suddivisi in:

Monoarticolari: inseriti su due segmenti ossei diversi tra i quali è interposta una sola articolazione (per esempio. il muscolo brachiale anteriore rispetto all’articolazione del gomito)

Biarticolari: generalmente implicano due diverse azioni ben distinte, dal punto di vista anatomico tra l’origine e l’inserzione interessano due articolazioni. (per esempio. il retto del femore, scavalcando le articolazioni dell’anca del ginocchio, estende la gamba sulla coscia e flette la coscia sul tronco)

Pluriarticolari: tra l’origine e l’inserzione interessano un numero superiore a due articolazioni (per esempio. il retto dell’addome scavalca tutte le articolazioni esistenti fra le vertebre lombari).

Le nozioni fornite in questo breve articolo sono di fondamentale importanza per redigere e strutturare un piano di allenamento inserendo gli esercizi più indicati a seconda del caso.

In conclusione un programma di allenamento composto da soli esercizi fondamentali o multiarticolari, può garantire buoni risultati in termini di forza ed ipertrofia, purché essi colpiscano ogni singola parte del corpo. 

Inoltre chi dispone di poco tempo a disposizione per allenarsi può basare la sua formazione su pochi esercizi fondamentali utilizzando un carico di volume alto che permette di mantenere una tecnica adeguata.

La scelta degli esercizi in un programma di allenamento è determinante per la sua buona riuscita e conoscere le funzioni dei vari muscoli è di fondamentale importanza per redigere un programma completo ed esaustivo.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Brachiale
14 Luglio 2019

Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo brachiale è posto in profondità rispetto al bicipite brachiale. Origina dalla metà distale della faccia anteriore dell'omero (al di sotto dell'inserzione deltoidea) e dai setti intermuscolari.

Elevatore Della Scapola
01 Novembre 2018

Elevatore Della Scapola

Origine, Inserzione ed Azione

Magari non conosciamo il nome di questo muscolo e dove si trova ma sicuramente conosciamo il dolore che provoca una sua infiammazione. Il dolore riferito causato dalla disfunzione dell'Elevatore si manifesta principalmente nelle zone dell'angolo del collo e del bordo vertebrale della Scapola, e in alcuni casi può anche estendersi al retro della spalla.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.