Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Quante Calorie Contiene Una Pizza?

data di redazione: 14 Maggio 2014 - data modifica: 10 Dicembre 2017
Quante Calorie Contiene Una Pizza?

Quante Calorie Contiene Una Pizza?

Siamo abituati a vedere la pizza come uno sgarro, ma è davvero così? Da buoni italiani andiamo fieri del nostro prodotto nazionale per eccellenza, ma la consideriamo erroneamente uno sgarro alla nostra dieta, quando invece è un prodotto alimentare che oltre alla bontà ha una lunga serie di pregi. Certamente le pizze ultra-condite che propongono oramai tutte le pizzerie sono esageratamente caloriche, quindi meno salutari, ma se non si esagera con la farcitura rimane comunque una "bomba" di proprietà benefiche, utilissime anche in ambito sportivo.

LA PIZZA AI RAGGI X

Il prodotto di base come ben si sa è la farina, un carboidrato complesso con un indice glicemico piuttosto basso, ottimale per garantire un buon rapporto tra calorie e sazietà. 
Ma le farine non sono tutte uguali e tra loro hanno lievi differenze caloriche e un apporto differente di nutrienti a causa della lavorazione.

Le farine del tipo 00 apportano 340 calorie (per 100g) mentre quella integrale 319 e quelle del tipo 1 e 2 più o meno come quelle integrali. Sono essenzialmente i carboidrati che conferiscono energia: 100g di prodotto contiene 77g di carboidrati, di cui solamente l'1,7% sono zuccheri e il resto è amido, per cui le farine sono considerate un ottimo alimento per quello che riguarda la capacità di apportare energia pulita, proveniente dai carboidrati. I grassi o lipidi contenuti nelle farine sono sostanzialmente pochi e di ottima qualità nutrizionale.

Inoltre la farina, specie quella integrale, è ricca di fibre, di potassio, calcio e ferro.
Per chi ha problemi di intolleranze esistono vari tipi di farine, come per esempio la farina di farro (335 cal/100g) e quella di Kamut, che è molto proteica (dal 20 al 40% in più del grano duro), alla canapa, al carbone vegetale, ecc.

Poi ci sono le farciture più classiche, come il pomodoro, che è carico di vitamine (specie la C) e di minerali e l'immancabile mozzarella, che è una miniera di virtù, benché un alimento molto ricco di proteine animali, di minerali (in particolare il calcio), ma anche di sodio, potassio, magnesio e fosforo. In più la mozzarella è anche ricca di betacarotene,  di vitamina B12 (cobalamina), di vitamina K (fillochinone) e di vitamina J (colina).

MA QUANTE CALORIE?

Il vantaggio della pizza è che è un eccellente piatto unico, completissimo e variegato, e si differenzia tra l'una e l'altra dal punto di vista nutrizionale e calorico per diversi fattori, che vanno dal tipo di impasto ai condimenti di farcitura. Una pizza per ogni esigenza: se la pizza napoletana offre i vantaggi e le virtù del pomodoro, la margherita con la mozzarella ci conferisce preziose proteine e notevoli quantità di calcio per le nostre ossa, mentre con la pizza vegetariana facciamo il pieno di fibre e vitamine.  

Ma arriviamo alla domanda critica: quante calorie ha la pizza?

La classica margherita, che pesa mediamente 300g, ha un apporto calorico di circa 800 calorie, la pizza rossa meno di 700 mentre la pizza vegetariana 600-700. La scomoda realtà è che per uno che sta cercando di dimagrire la pizza non è l'ideale, proprio per il suo apporto calorico, però con qualche accorgimento possiamo diminuire il contenuto calorico del nostro prodotto nazionale per eccellenza a cui facciamo fatica a rinunciare.

FATEVI UNA PIZZA

Il nostro obiettivo quindi è quello di calare il contenuto calorico della pizza, e il primo passo può essere quello di diminuire la dose di impasto (quasi della metà), tagliando di fatto circa il 15-20% delle calorie totali. Poi sarebbe opportuno utilizzare farine integrali, in quanto come abbiamo già detto hanno un contenuto calorico minore di quelle bianche. 

È consigliabile inoltre evitare o limitare la mozzarella, senza la quale la pizza apporterebbe circa il 25-35% in meno di calorie totali, e altri alimenti ricchi di grassi come i salumi e i formaggi. Un'altro alimento da limitare è l'olio, che spesso rende pizze generalmente piuttosto povere di grassi in prodotti con un apporto calorico comunque alto.

Ecco la tabella con le PIZZE PIU' COMUNI  riferite a 100 gr, quindi dovete raddoppiare i valori per avere i dati di una pizza completa:

  • pizza ai 4 formaggi 700 kcal
  • pizza ai funghi 510 kcal
  • pizza alla marinara (pom. e origano) 300 kcal
  • pizza alle quattro stagioni 620 kcal
  • pizza bianca 292 kcal
  • pizza con pomodoro 247 kcal
  • pizza con prosciutto e pomodoro 600 kcal
  • pizza con salsiccia e pomodoro 650 kcal
  • pizza con wurstel e pomodoro 630 kcal
  • pizza margherita 271 kcal
  • pizza napoletana 520 kcal
  • pizza vegetariana 500 kcal

A questo punto, qual è la vostra pizza preferita?

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

L'uovo nella Dieta e Perdita di Peso: Quante mangiarne?
01 Ottobre 2014

L'uovo nella Dieta e Perdita di Peso: Quante mangiarne?

Come dimagrire mangiando uova

L'uovo nella dieta e la perdita di peso - Scopri i numerosi benefici per la salute che danno le uova.Informazioni sulla nutrizione delle uova. Le uova sono un'ottima fonte di proteine ​​e altri nutrienti vitali. Essi contengono tutti gli aminoacidi essenziali nelle giuste proporzioni e quindi sono una buona fonte di proteine ​​complete.

Cose Da Fare E Da Non Fare A Tavola. Cosa Direbbe Il Tuo Personal Trainer
10 Giugno 2016

Cose Da Fare E Da Non Fare A Tavola. Cosa Direbbe Il Tuo Personal Trainer

Ti senti in colpa per aver ceduto ad un bel cheeseburger con patatine fritte? Se siete curiosi di sapere quali sono le abitudini importanti ed efficaci nel lungo periodo, proviamo qui a darvi alcune regole per le cose che si dovrebbero fare sempre e di quelle che non si dovrebbero fare mai.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.