(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alzate Laterali - Come Eseguirle in Maniera Corretta ed Efficace

data di redazione: 02 Dicembre 2015 - data modifica: 21 Novembre 2017
Alzate Laterali - Come Eseguirle in Maniera Corretta ed Efficace

Modificare la posizione iniziale delle alzate laterali può fare una bella differenza nello sviluppo dei deltoidi

ALZATE LATERALI - COME ESEGUIRLE IN MANIERA CORRETTA ED EFFICACE?

Nella posizione iniziale delle alzate laterali con i manubri, è meglio tenere i manubri davanti oppure ai lati delle cosce?

  • Quando si parte dal davanti si ha una forza maggiore
  • Quando si parte di lato si sente maggiormente il lavoro sui deltoidi

Quale versione è meglio adottare?

Per rispondere meglio al quesito negli States hanno sottoposto un gruppo di bodybuilder ad un test per misurare il loro massimale per 10 ripetizioni (10 Rm) di alzate laterali con i manubri, eseguite partendo sia con i manubri davanti alle cosce, che di lato.

Cosa hanno scoperto?

Il peso medio sollevato da ogni bodybuider per 10 ripetizioni partendo con i manubri davanti alle cosce è stato di 19,2 kg, mentre il peso medio per 10 ripetizioni con i manubri collocati di lato è risultato pari a 15,9 kg. Si tratta quindi di una differenza di 3,3 kg, corrispondente ad un incremento del 20% del carico partendo con i manubri davanti alle cosce.

Quindi?


Come previsto, i soggetti hanno sollevato pesi significativamente maggiori nelle alzate laterali con i manubri partendo davanti alle cosce. Il motivo va ricercato nel maggior coinvolgimento del trapezio e dei deltoidi anteriori, che consente di acquisire più slancio nella fase iniziale del sollevamento, riducendo la quantità di lavoro a carico dei deltoidi laterali per proseguire il sollevamento dei pesi.

Iniziando con i manubri ai lati delle cosce, si accumula meno slancio e si riduce l'attivazione dei deltoidi anteriori e del trapezio, ragion per cui tocca ai deltoidi laterali sobbarcarsi quasi tutto lo sforzo dall'inizio alla fine.

In questa variante, specialmente con i piedi in corrispondenza delle spalle o più distanti, si esclude anche il coinvolgimento di uno dei muscoli rotatori denominato sopraspinato.

In pratica il movimento inizia e finisce primariamente con i deltoidi laterali, il che spiega la migliore percezione del lavoro muscolare quando si parte con i manubri ai lati delle cosce.

In Conclusione essendo le alzate laterali un esercizio di isolamento adatto per i deltoidi laterali, la versione con i manubri collocati ai lati è da preferire. Se ad esempio state eseguendo una serie da 12 ripetizioni, e all'ottava i manubri non salgono più, sporcate la tecnica effettuando le ultime 4 ripetizioni con lo slancio partendo con i manubri davanti alle cosce.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Spalle e Braccia Potenti
02 Ottobre 2014

Spalle e Braccia Potenti

come aumentare la potenza muscolare di spalle e braccia

Molti confondono spalle e braccia grosse con spalle e braccia potenti, nel senso che non sempre spalle e braccia voluminose, siano anche potenti ed esplosive. E’ ovvio che muscoli grossi siano più forti di muscoli esili come grissini, ma questo in riferimento ad espressioni di forza statica e non di forza dinamica

Spalle alla Arnold Schwarzenegger
25 Giugno 2017

Spalle alla Arnold Schwarzenegger

La routine di Arnold per questi due gruppi muscolari prevedevano sia distensioni che movimenti laterali, ma per agire nel modo più completo possibile adottava una vasta serie di varianti.

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4