(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Bodybuilding - Allenamento Ottimale

data di redazione: 13 Luglio 2018 - data modifica: 24 Novembre 2018
Bodybuilding - Allenamento Ottimale

Cosa significa allenamento ottimale?
In questo articolo vedremo di spiegare in maniera sintetica cosa si intende per allenamento ottimale.
Quali sono le variabili principali dell’allenamento?

  • Intensità
  • Volume
  • Durata della seduta
  • Frequenza settimanale

Non tutti gli atleti sono uguali, ognuno di noi ha le proprie caratteristiche, e quindi?
Per quanto tempo bisogna allenarsi, quante volte alla settimana e con quale volume ed intensità?

Partiamo con il presupposto che dopo circa 50 minuti dall'inizio dell'allenamento vi è un aumento progressivo di alcuni ormoni tra cui il cortisolo che è altamente catabolico.

Il cortisolo utilizza le proteine a fini energetici, quindi è deleterio continuare l'allenamento quando si innalzano i livelli di questo ormone.

Perseverare con l’allenamento non si farebbe che creare una ulteriore lisi proteica, dannosa soprattutto se si ricerca il miglioramento del tono muscolare che è l’obiettivo principale di chi si allena in palestra con i pesi.

Le serie devono essere esaustive, non bisogna perdere tempo durante l’allenamento e nei 45-50 minuti a disposizione bisogna esaurire tutte le fibre muscolari.

Ricordate nel bodybuilding il carico non è un fine, ma un mezzo per costruire un fisico impressionante e muscoloso. Bisogna arrivare al cedimento muscolare e questo è un concetto difficile da far capire agli atleti.

Il bodybuilding non è una questione matematica, 3x10, 6x6, 10x3 sono numeri che servono per fornire un prospetto all’atleta, che si deve allenare con logica; ma sappiate che se alla decima ripetizione, i muscoli allenati, in un determinato esercizio, non sono esauriti completamente e voi vi fermate perché c’è scritto nella scheda, non avrete dato lo stimolo massimo al muscolo target.

Bisogna allenarsi sino alla massima congestione come del resto dicevano i grandi culturisti del passato; tecniche ad alta intensità come super serie, stripping, rest pause, tri serie, recuperi parziali ecce cc.. servono a questo.

Qual è la frequenza settimanale ideale per allenarsi?

Il muscolo cresce durante il riposo, quindi se non diamo tempo all'organismo di recuperare sia a livello muscolare che a livello mentale, si rischia di andare in sovrallenamento, ossia in una fase di sovrallenamento che porta a scarsi risultati e nei casi più estremi addirittura a peggiorare l'aspetto fisico.

Pertanto per capire quante sedute settimanali bisognerebbe fare occorre conoscere perfettamente le proprie capacità di recupero.

Il recupero di una persona dipende da svariati fattori, tra cui:

  • Tipo di lavoro
  • Alimentazione 
  • Carattere della persona 
  • Stress interno


Un individuo che lavora dieci ore al giorno, sopra ad un tetto, che mangia poco ed è stressato a causa di problemi sociali dovrà avere un programma di Allenamento adeguato che sarà diverso da un sedentario che lavora 6 ore in ufficio, senza mutuo, figli o persone anziane da accudire.

Per quanto concerne l'utilizzo degli esercizi più idonei, occorre ovviamente valutare il soggetto dal punto di vista muscolo scheletrico e posturale, individuando quali sono i muscoli che devono essere tonificati e quali allungati per non incorrere in problemi di asimmetrie corporee o algie muscolari.

Non esistono esercizi giusti ed esercizi non giusti, ma esiste la persona che in quanto tale ha una realtà muscolare ben precisa e su quella bisogna lavorare in maniera specifica, per ottenere il miglior risultato con il minimo rischio.

La domanda che ora vi sorgerà sarà questa: ma se io voglio migliorare il fisico in toto, ma ho delle retrazioni evidenti che sconsigliano l'esecuzione di alcuni esercizi atti alla tonificazione del suddetto gruppo muscolare, come faccio a svilupparlo?

Si lavorerà nei primi periodi (circa 2-3 mesi) sul riequilibrio muscolare e, dopo aver ottenuto ciò, si potrà cominciare ad utilizzare esercizi con macchine isotoniche e/o pesi liberi anche su quei gruppi muscolari ove inizialmente si era fatto solo un lavoro di allungamento.

Una scheda di allenamento può andare bene per un soggetto X e non per un soggetto Y, bisogna però anche sperimentare molto, perché un personal trainer può insegnarvi i metodi, gli esercizi, come nutrirvi ma non può conoscere le vostre sensazioni.

Consigliamo di provare il nostro metodo ABC FIT: individuate il vostro livello ed iniziate il nostro percorso muscolare composto da 7 periodi da 6 settimane:

CAPILLARIZZAZIONE

FORZA

FORZA - MASSA

MASSA 1

MASSA 2

DEFINIZIONE 1

DEFINIZIONE 2

Buon ABC FIT 

Potrebbe interessarti anche

Time Under Tension TUT o Tempo Sotto Tensione Muscolare
01 Ottobre 2014

Time Under Tension TUT o Tempo Sotto Tensione Muscolare

Come lo stesso titolo suggerisce, in questo articolo vi voglio parlare di uno degli aspetti più sottovalutati dal frequentatore di palestra medio.Riallacciandomi al mio articolo precedente sui tempi di recupero da adottare in base all’obbiettivo che si vuole ottenere, mi preme farvi venire a conoscenza, o ampliare quelle che sono già le vostre conoscenze, sul Time Undet Tension (TUT) ossia il Tempo Sotto Tensione.

Allenamento bodybuilding del Giovedì
02 Ottobre 2014

Allenamento bodybuilding del Giovedì

Allenamenti molto brevi e frequenti

Le Spalle rispondono meglio alle serie pompanti rispetto alle serie di forza, soprattutto negli esercizi che le isolano. Inoltre le spalle sono estremamente delicate e quindi bisogna avere delle strategie intelligenti di allenamento per preservare le cuffie dei rotatori a lungo.

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.