Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Metodo di Karvonen

data di redazione: 18 Luglio 2018
Metodo di Karvonen

Nel mondo del Fitness è diffusissima la formula di cooper per determinare la frequenza cardiaca massima e poi la frequenza cardiaca di lavoro. 

Per i principianti tale formula può essere anche valida, ma per un professionista o amatore altamente allenato non è una formula a cui far riferimento per elaborare i propri programmi di allenamento cardiovascolari.

Cos'è la frequenza cardiaca?

La frequenza cardiaca di allenamento rappresenta il numero di cicli cardiaci, che l’atleta sostiene durante un determinato sforzo, in relazione all’unità di tempo (1 minuto). 

Più semplicemente indica il numero di battiti che il cuore compie in un minuto.

La conoscenza di tale valore, durante l’allenamento, è importante perchè l’atleta ha un costante riferimento sull’impegno che pone; inoltre, sempre attraverso la misura del battito, è in grado di capire se l’intensità dello sforzo è in linea con gli obiettivi prescelti (ad es. il miglioramento della resistenza o potenza aerobica).

Vediamo un esempio pratico per determinare la giusta frequenza di allenamento.

La FCmax di un uomo di 35 anni è di 185 battiti al minuto. Tutto questo è rigorosamente teorico, ma da una idea abbastanza precisa sul potenziale dell’ individuo.

A questo punto se il nostro uomo di 35 anni volesse effettuare un allenamento in soglia anaerobica, teoricamente dovrebbe calcolare l’85% (percentuale teorica di soglia anaerobica) di 185 battiti e cioè 157 Bpm.

Se la persona è altamente allenata (lavorare all'85% non è per tutti) bisogna utilizzare la formula di karvonen.

La FORMULA DI KARVONEN rende più preciso il calcolo delle percentuali del battito utilizzando, come parametro aggiuntivo, la frequenza cardiaca a riposo.


[(220 – età – Frequenza a riposo) x % lavoro] + Frequenza a riposo




Esempio:

Uomo di 35 anni, la frequenza a riposo (si consiglia di prenderla la mattina sdraiati completamente rilassati) è di 60 battiti al minuto. 

Vogliamo trovare il numero dei battiti pari all’85% della sua Fcmax

[(220 – 35 – 60) x 85/100] + 60 = 166 Bpm


Quindi il nostro atleta, in teoria, se volesse effettuare il solito allenamento di soglia anaerobica dovrebbe correre a 166 battiti.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Dimagrire con il Tapis Roulant
17 Novembre 2017

Come Dimagrire con il Tapis Roulant

Come perdere peso inserendo due sessioni di questo allenamento a settimana

L'Allenamento a intervalli è una delle tecniche migliori per accelerare il dimagrimento e la relativa perdita di grasso corporeo e contemporaneamente condizionare il sistema cardiovascolare. La ricerca, infatti, mostra che questo tipo di allenamento...

La Frequenza Cardiaca nell'Allenamento
21 Agosto 2015

La Frequenza Cardiaca nell'Allenamento

Come Conoscere il proprio Stato di Forma attraverso la Misurazione della Frequenza Cardiaca

La frequenza cardiaca basale, anche chiamata RHR (Resting Heart Rate), è un dato molto importante da registrare, soprattutto per gli sportivi. Misurarsela da soli è molto semplice, basta dedicarci qualche minuto ogni tanto; sedetevi sul divano e appoggiate l'indice e il medio sul lato del collo (non usate il pollice, perché ha una pulsazione che potrebbe confondervi) sotto la mascella, e premete appena sopra la carotide, dove la frequenza cardiaca è molto più percepibile che al polso.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.