(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Metodo di Karvonen

data di redazione: 18 Luglio 2018
Metodo di Karvonen

Nel mondo del Fitness è diffusissima la formula di cooper per determinare la frequenza cardiaca massima e poi la frequenza cardiaca di lavoro. 

Per i principianti tale formula può essere anche valida, ma per un professionista o amatore altamente allenato non è una formula a cui far riferimento per elaborare i propri programmi di allenamento cardiovascolari.

Cos'è la frequenza cardiaca?

La frequenza cardiaca di allenamento rappresenta il numero di cicli cardiaci, che l’atleta sostiene durante un determinato sforzo, in relazione all’unità di tempo (1 minuto). 

Più semplicemente indica il numero di battiti che il cuore compie in un minuto.

La conoscenza di tale valore, durante l’allenamento, è importante perchè l’atleta ha un costante riferimento sull’impegno che pone; inoltre, sempre attraverso la misura del battito, è in grado di capire se l’intensità dello sforzo è in linea con gli obiettivi prescelti (ad es. il miglioramento della resistenza o potenza aerobica).

Vediamo un esempio pratico per determinare la giusta frequenza di allenamento.

La FCmax di un uomo di 35 anni è di 185 battiti al minuto. Tutto questo è rigorosamente teorico, ma da una idea abbastanza precisa sul potenziale dell’ individuo.

A questo punto se il nostro uomo di 35 anni volesse effettuare un allenamento in soglia anaerobica, teoricamente dovrebbe calcolare l’85% (percentuale teorica di soglia anaerobica) di 185 battiti e cioè 157 Bpm.

Se la persona è altamente allenata (lavorare all'85% non è per tutti) bisogna utilizzare la formula di karvonen.

La FORMULA DI KARVONEN rende più preciso il calcolo delle percentuali del battito utilizzando, come parametro aggiuntivo, la frequenza cardiaca a riposo.


[(220 – età – Frequenza a riposo) x % lavoro] + Frequenza a riposo




Esempio:

Uomo di 35 anni, la frequenza a riposo (si consiglia di prenderla la mattina sdraiati completamente rilassati) è di 60 battiti al minuto. 

Vogliamo trovare il numero dei battiti pari all’85% della sua Fcmax

[(220 – 35 – 60) x 85/100] + 60 = 166 Bpm


Quindi il nostro atleta, in teoria, se volesse effettuare il solito allenamento di soglia anaerobica dovrebbe correre a 166 battiti.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La Frequenza Cardiaca durante L'esercizio
13 Dicembre 2017

La Frequenza Cardiaca durante L'esercizio

Aerobico significa semplicemente "con ossigeno". L'organismo ha bisogno di ossigeno per funzionare e per bruciare energie. Quando respiri, stai svolgendo un'attività aerobica perché stai introducendo ossigeno nel tuo corpo. Quando fai un'attività fisica come il nuoto, la corsa, il ciclismo, il canottaggio, il crossfit: la frequenza cardiaca aumenta in quanto si incrementa il consumo di ossigeno.

Tapis Roulant - Programma di Allenamento per Sedentari
01 Ottobre 2014

Tapis Roulant - Programma di Allenamento per Sedentari

L'obiettivo di questa scheda di allenamento per cardiofitness è quello di dare una linea guida pratica su come effettuare cardiofitness a casa. Non è facile redigere un vestito "taglia unica" uguale per tutti , quindi daremo delle linee guida sulla persona target a cui si riferisce questo semplice schema di allenamento.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.