(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Caffè Normale o Decaffeinato?

data di redazione: 22 Ottobre 2014
Caffè Normale o Decaffeinato?

Due o tre tazze al giorno possono dare benefici anche al fegato?

Precedenti ricerche hanno dimostrato che il consumo di caffè può beneficiare il fegato, ma un nuovo studio indica che bere il caffè decaffeinato riduce anche i livelli degli enzimi epatici, suggerendo che i benefici non sono collegati al contenuto di caffeina.

 

Sia il caffè normale che quello decaffeinato hanno mostrato di abbassare gli enzimi epatici in studio ai partecipanti che ne hanno bevuto almeno tre tazze al giorno.


Come l'autunno incalza e le temperature scendono, iniziare la giornata con una tazza fumante di caffè diventa ancora più attraente; e questa è una abitudine quotidiana che la ricerca recente ha legato a determinati benefici per la salute.

 

Bere questa gustosa bevanda è stato collegato ad una riduzione dei rischi per il diabete, malattie cardiovascolari, steatosi epatica, cirrosi e cancro del fegato.


 

Negli italiani, l'uso di caffè è sicuramente parte della dieta quotidiana.

 

Per di più, l'Associazione Internazionale del Caffè dice il consumo di caffè è aumentato dell'1% ogni anno dal 1980, e negli ultimi anni, questa cifra è balzata al 2%.

 

I ricercatori di questo ultimo studio - condotto dal Dr. Xiao Qian del National Cancer Institute di Bethesda, - hanno pubblicano i loro risultati sulla rivista Hepatology .

"Una prima ricerca ha scoperto che bere caffè può avere un possibile effetto protettivo sul fegato," dice il dottor Xiao. "Tuttavia, l'evidenza non è chiara se tale beneficio può estendersi al caffè decaffeinato."

 

'Gli ingredienti nel caffè diversi dalla caffeina possono promuovere la salute del fegato'


Per indagare ulteriormente, il team ha impiegato i dati dell'US National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 1999-2010. Il numero di partecipanti era pari a oltre 27.000, ed i soggetti erano compresi tra i 20 anni di età ed oltre.

Ogni partecipante ha fornito un richiamo alimentare di 24 ore per segnalare la loro assunzione di caffè, ed i ricercatori hanno misurato i livelli ematici dei markers della funzionalità epatica per valutare la salute del fegato - tra cui gli aminotransferasi (ALT), aminotransferasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP) e gamma glutamil transaminasi (GGT).

 

I risultati hanno rivelato che i partecipanti che hanno bevuto tre o più tazze di caffè al giorno avevano livelli più bassi di tutti e quattro gli enzimi epatici, rispetto a coloro che non avevano bevuto alcun caffè. Inoltre, il team ha trovato gli stessi risultati nei partecipanti che hanno bevuto solo caffè decaffeinato.

"I nostri risultati collegano assunzione di caffè normale e decaffeinato a livelli più bassi degli enzimi epatici," dice il dottor Xiao. "Questi dati suggeriscono che gli ingredienti del caffè, diversi dalla caffeina, possono promuovere la salute del fegato. Ulteriori studi sono necessari per identificare questi componenti."

 

Uno studio che ha suggerito che le abitudini del consumo di caffè sono guidate dalla genetica . I ricercatori della Harvard School of Public Health e del Brigham and Women Hospital di Boston, MA, hanno individuato due varianti genetiche legate al metabolismo della caffeina e due varianti genetiche che possono influenzare l'effetto "gratificante" della caffeina.

 

I ricercatori hanno riferito che i loro risultati suggeriscono che l'assunzione di caffè è "naturalmente modulata" da parte degli individui, fa in modo da poter sperimentare gli effetti ottimali della caffeina.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Voglia di Spuntini Notturni? Uno Studio Spiega il Perché di Questi Desideri
07 Maggio 2015

Voglia di Spuntini Notturni? Uno Studio Spiega il Perché di Questi Desideri

Ora, un nuovo studio condotto dai ricercatori della Brigham Young University di Provo, UT, fa luce sul perché può essere difficile resistere ad uno spuntino a tarda notte, ed ha tutto a che fare con il modo in cui il cervello risponde al cibo in questi diversi momenti della giornata.

Mali Di Stagione: Ci Possiamo Allenare Ugualmente?
04 Febbraio 2018

Mali Di Stagione: Ci Possiamo Allenare Ugualmente?

Il nostro corpo è una macchina perfetta, nonostante tutto, proprio a causa di questa infezione si ritrova a corto di energie, benché queste sono principalmente impegnate a contrastare il virus. In assenza di febbre e altri sintomi importanti quindi non è così sbagliato allenarsi lo stesso, ma sarebbe meglio evitare lavori troppo impegnativi e intensi, che a loro volta potrebbero peggiorare la situazione.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2