(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Programma di Allenamento Pesi per il Pugilato

data di redazione: 05 Agosto 2014 - data modifica: 03 Febbraio 2019
Programma di Allenamento Pesi per il Pugilato

Programma di Allenamento Pesi per il Pugilato

Anni fa, i pugili spinti dai film di Rocky o di Bruce Lee, si dilettavano a fine allenamento in qualche trazione alla sbarra oppure in qualche serie di piegamenti sulle braccia. Si pensava che questi esercizi a corpo libero, fossero una manna per un pugile e che l'allenamento pesi non era da prendere in considerazione perché rendeva goffi ed impacciati come un body builder.

NIENTE DI PIU' FALSO

Peccato che negli Stati Uniti e nei paesi dell'est, i pugili da sempre si allenassero con i pesi. Moltissimi ricercatori ed allenatori nei paesi del blocco dell'est infatti, già trenta o quaranta anni fa nei loro programmi lavoravano su concetti importantissimi per lo sviluppo ed il mantenimento della forza in tutte le sue forme in tutte le discipline, anche quelle appunto dove era richiesta la massima velocità o rapidità.

Oggi, come in ogni era di grandi cambiamenti, atteso il terzo millennio anche gli SDC nostrani sono stati finalmente contagiati dalla cultura sportiva che comprende "tutto", e quindi non solo quanto sempre fatto di specifico ed importante nella fatiscente palestra intrisa di sudore e sangue.

Fatta questa premessa in questo articolo vi forniremo un programma di allenamento pesi adatto per un pugile dal livello intermedio.

Programma di Allenamento

  • Livello d’allenamento: Intermedio
  • Obiettivo principale: Miglioramento del tono-trofismo muscolare
  • Giorni d’allenamento settimanali: 6
  • Tipo d’allenamento: Suddivisione dei gruppi muscolari da allenare durante le diverse sessioni previste nell’arco settimanale (tipologia allenante più conosciuta come: split routine).

Descrizione dell’allenamento

Quello discusso in questa sede è un tipo d’allenamento dedicato prevalentemente agli atleti della boxe.

  • Numero di ripetizioni per serie (Il numero di ripetizioni viene scelto in relazione all’adattamento funzionale ricercato).
  • Forza: 1-4 ripetizioni
  • Ipertrofia: 6-10(12) ripetizioni
  • Resistenza: 15-20 ripetizioni

Organizzazione allenamenti settimanali

  • Lunedì: allenamento pesi
  • Martedì: Aerobica/tecnica di combattimento
  • Mercoledì: Aerobica/tecnica di combattimento
  • Giovedì: allenamento pesi
  • Venerdì: Aerobica/tecnica di combattimento
  • Sabato: Aerobica/tecnica di combattimento
  • Domenica: riposo

Protocollo d’allenamento settimanale mirato allo sviluppo della resistenza

Lunedì e Giovedì

Allenamento pesi:

Lunedì: Gambe, schiena, esercizi per lo sviluppo della forza nella presa

Gambe

  • Squat 3x15-20
  • Leg press 3x15-20
  • Leg curl 3x15-20
  • Calf raise 3x15-20

Schiena

  • Trazioni frontali alla sbarra 4x15-20
  • Pulley orizzontale 4x15-20
  • Rematore con un manubrio 4x15-20
  • Iperestensioni su panca 4x15-20

Esercizi per la presa

Mantenimento di piastre da 20kg (una piastra per mano) con la sola opposizione dei polpastrelli (3x30 secondi).

Giovedì: Petto, Spalle, Tricipiti e Bicipiti

Pettorali

  • Distensioni con bilanciere su panca orizzontale 4x15-20
  • Distensioni con 2 manubri su panca inclinata a 45°4x15-20

Deltoidi e trapezi

  • Lento Avanti 4x15-20
  • Trazioni al mento con bilanciere angolato 4x15-20
  • Shrug 4x15-20

Tricipiti

  • Distensioni con bilanciere su panca orizzontale, presa stretta 4x15-20
  • Push Up Esplosivi 4x15-20

Bicipiti

  • Curl con manubri 4x15-20

Martedì e Venerdì, aerobica e lavoro al sacco

Pratica di combattimento per 30 minuti – con sacco e/o protezioni

Esempio di protocollo allenante per la boxe:

  • 3 minuti di jabs e strikes veloci
  • 1 minuto di pausa
  • 3 minuti di strikes pesanti
  • 1 minuto di pausa
  • 3 minuti di combinazioni a stile libero
  • 30 minuti di corsa

Mercoledì e Sabato – Aerobica

Pratica di combattimento:

  • 45 minuti Esempio di protocollo allenante per marzialisti
  • Riscaldamento con movimenti combinati di Karate
  • 30 secondi di pausa
  • 3 minuti di strikes veloci sul sacco
  • 1 minuto di pausa
  • 3 minuti di strikes più pesanti
  • 1 minuto di pausa
  • 3 minuti di combinazione a stile libero

Ripetere tale sequenza più volte possibile Alla sequenza qui sopra riportata devono seguire sprints da 100 o 200 metri.

Per massimizzare gli effetti degli allenamenti è consigliabile assumere qualche integratore che non appesantisca il fisico, dovendo il pugile rispettare una categoria di peso.

Per volete provare la nostra sezione di programmi a pagamento, dedicata agli sport di combattimento, vi invitiamo a provare ABC FIT 

Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Aumentare Il Fiato per il Combattimento
21 Novembre 2017

Come Aumentare Il Fiato per il Combattimento

Anche se può sembrare strano, una delle lacune della maggioranza dei fighter è avere una buona respirazione, sia fuori che dentro il ring in modo da garantire fiato a sufficienza per combattere tutte le riprese.

Allenamento Boxe: La Forza
02 Ottobre 2014

Allenamento Boxe: La Forza

L'importanza dell'allenare la forza nel pugilato

La forza è la caratteristica più evidente della muscolatura. Per definire la forza di un muscolo può essere sufficiente affermare che essa è la capacità del muscolo di vincere una resistenza o la sua attitudine a compiere un lavoro.Nell'uomo, la forza muscolare dipende dal numero di fibre

Ultimi post pubblicati

Dieta Definizione Semplice Da Seguire
24 Maggio 2019

Dieta Definizione Semplice Da Seguire

Definire i muscoli non significa solo aumentare ulteriormente la frequenza degli allenamenti, inserendo un volume di lavoro maggiore, inserendo anche attività aerobica. E' l'errore che commettono tutti, allenarsi come pazzi, mantenendo la stessa alimentazione seguita nella fase di incremento della massa muscolare.

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi
20 Maggio 2019

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi

Questo attrezzo speciale ha diverse maniglie che si possono utilizzare per variare il posizionamento delle mani durante gli esercizi di distensione e trazione, permettendo di migliorare la forza assicurando altresì una presa multipla salda ed una perfetta stabilità durante l'esecuzione dei movimenti.