Fitonutrienti

Fitonutrienti

Gli effetti benefici della presenza di fitonutrienti nella dieta

I benefici della presenza dei fitonutrienti nella dieta

A parte i grandi principi alimentari come proteine, carboidrati e grassi, il gran numero di prodotti alimentari che consumiamo è costituito da preziosi componenti noti come fitonutrienti o sostanze chimiche di origine vegetale. Anche se il loro valore calorico è insignificante, l'inclusione nella nostra dieta di adeguati livelli di questi composti inerti è indispensabile in quanto i potenziali benefici in termini di contributo diretto alla promozione della salute e la prevenzione delle malattie sono davvero enormi.

 

I cambiamenti nello stile di vita e delle abitudini alimentari hanno portato tra le moderne malattie mondiali, alcune come la malattia coronarica, il diabete, ictus, tumori, ecc, ad una frequenza più alta che mai. Diversi studi epidemiologici di ricerca e sperimentali, hanno chiaramente suggerito che le tendenze di malattia sono in collegamento con il modello di dieta che si consuma.

Di conseguenza, un nuovo interesse è aumentato nelle proprietà medicinali dei prodotti alimentari come erbe, spezie, verdure e frutta con la loro buccia.

Fitonutrienti e benefici per la salute

 

Gli studi hanno scoperto che alcune sostanze chimiche, diverse dai loro principi nutritivi, sono antimutageno, pulitori di radicali liberi e stimolano le funzioni immunitarie che aiutano a promuovere lo stato di salute e prevenire le malattie, a prescindere dal loro valore nutritivo.

 

I Fitonutrienti sono presenti in abbondanza nel mondo vegetale. Gli esempi includono:

 

 

  • 1. Antiossidanti,

 

 

  • 3. Non digeribili (non amidacei) carboidrati come i tannini, pectine, cellulosa, mucillagini , ecc,

 

  • 4. Acidi naturali,

 

  • 5. Enzimi e lecitina.

 

 

Antiossidanti

Gli studi suggeriscono che i tumori si verificano a causa di una serie di eventi mutazionali che si verificano a livello cellulare innescato dai radicali liberi dell'ossigeno e specie reattive dell'ossigeno (ROS). Questi radicali liberi sono in grado di danneggiare il DNA della cellula, la membrana cellulare e proteine ​​come canali ionici, recettori, ecc

Gli antiossidanti in virtù dei loro potenziali di riduzione, possono legarsi ai radicali ossidandoli, interrompere le lesioni provocate dai radicali liberi invertendo o limitando l'entità dee danni. Diversi gruppi di antiossidanti sono stati identificati come flavonoidi polifenolici, gli antociani, ecc

 

Esempi di alcuni antiossidanti presenti nella frutta e verdura includono:

 

Caroteni che sono presenti in: mango, carote, spinaci, origano, ecc,

 

Il licopene nei pomodori, pompelmo, angurie, ecc,

 

Il resveratrolo presente in: uva, frutti di bosco, arachidi, ecc,

 

Gli Antociani presenti in: nei chokeberry (si trova sull'arbusto chokeberry aronia), broccoli, cavoli, ecc,

 

Vitamine antiossidanti come la vitamina Avitamina E e vitamina C sono presenti nella maggior parte delle erbe, verdure e frutta.

 

Gli steroli vegetali

 Gli steroli vegetali, noti anche come fitosteroli, sono scarsamente assorbiti dagli esseri umani e nel processo, sembrano bloccare l'assorbimento di colesterolo; e quindi contribuire a ridurre i livelli di colesterolo LDL nel sangue.

 

Alcuni studi iniziali, hanno rivelato che le dosi sperimentali di steroli vegetali possono essere efficaci nel contrastare gli effetti di ipertrofia del testosterone-mediata nelle ghiandole della prostata. Inoltre, aiutano a ridurre al minimo il rischio di cancro BPH e della prostata negli uomini. I loro effetti nelle donne, invece, si trovano ad essere neutri o con qualche effetto benefico sul seno, all'utero e alle ovaie recettori.

  

Carboidrati non digeribili, acidi naturali ed enzimi

 

Gli altri fitochimici comprendono agenti disintossicanti come indoliisotiocianatipolisaccaridi non amidacei (NSP) o fibre, come gomme, emicellulosa, mucillagini, pectine, tannini, alcaloidi e come caffeina e aminoacidi non proteici. L'aumento di fibre provenienti da cibo aiuta a prevenire la stitichezza, diminuendo il tempo di transito gastro-intestinale.

Essi inoltre legano le tossine presenti nel cibo, prevengono il loro assorbimento, e aiutano a proteggere la membrana mucosa del colon da tumori. Inoltre, le fibre alimentari si legano ai sali biliari (prodotti dal colesterolo) e diminuiscono il loro riassorbimento, quindi aiutano a mantenere bassi i livelli di colesterolo LDL.

 

In conclusione, i fitonutrienti forniscono i legami cruciali tra salute e nutrizione. Un alimento ben equilibrato che è ricco di fitonutrienti come la frutta fresca, le erbe aromatiche e la verdura, possono aiutare a minimizzare gratuitamente specie di radicali dell'ossigeno e reattivi dell'ossigeno (ROS).

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati