(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

I Benefici Per la Salute di Tonno e Salmone

data di redazione: 04 Gennaio 2018
I Benefici Per la Salute di Tonno e Salmone

I Benefici Per la Salute di Tonno e Salmone

Nessun dubbio, tonno e salmone sono super alimenti! Non solo sono una grande fonte di proteine magre, sono anche una grande fonte di vitamina B e hanno un sapore ottimo. Ciò che i nutrizionisti e gli scienziati sono davvero entusiasti del tonno e del salmone sono gli acidi grassi omega-3 contenuti nelle loro carni. Gli omega-3 sono stati recentemente associati a tutti i tipi di benefici per la salute, dalla difesa dalla depressione e dal declino cognitivo alla riduzione dell'infiammazione e del rischio di malattie cardiache. L'evidenza è così buona che l'American Heart Association raccomanda di mangiare pesce ricco di acidi grassi omega-3, come il tonno e il salmone, due volte a settimana.

Il salmone fresco è particolarmente indicato per i palati più esigenti grazie al suo sapore delicato e alla sua consistenza sontuosa. Il pesce deve essere fresco con carne luminosa, soda, rosa-arancio, la pelle deve essere pulita e lucida e dovrebbe rimbalzare quando viene premuta delicatamente. 

Le bistecche di salmone sono ottime per essere grigliate, mentre i filetti di salmone possono essere cotti al forno o scottati rapidamente. Il salmone è gustoso con una varietà di sapori dal burro al limone a una salsa di frutta piccante. Il tonno fresco, che è di stagione dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno, è delizioso scottato rapidamente su una griglia. Le bistecche di tonno crudo assomigliano molto a quella di manzo crudo. Tonno e salmone in scatola sono perfetti punti di ristoro per pasti veloci durante la settimana e un extra di omega-3. Entrambi possono essere aggiunti a piatti di pasta, fatti in polpette e impanati e grigliati o leggermente fritti o aggiunti a un'insalata. 

Dovrei preoccuparmi del mercurio?

Il tonno, che è un grande pesce oceanico, può accumulare mercurio nella sua carne. Secondo la FDA, la maggior parte delle persone non è influenzata dai bassi livelli di mercurio nella maggior parte dei prodotti ittici, ma le popolazioni sensibili come le donne incinte e i bambini dovrebbero limitare il consumo di tonno bianco a una porzione a settimana.

Sappiamo che bisogna assumere una quantità sufficiente di proteine. Come regola generale, un atleta di bodybuiding dovrebbe consumarne una quantità, espressa in grammi, pari a 2-3 volte il suo peso corporeo. Ad esempio con un peso di 75 kg, si dovrebbe mangiare ogni giorno 150-225 g di proteine per incrementare la massa muscolare. Le proteine ottime per guadagnare massa muscolare sono:

  • Carne rossa come il manzo, il maiale, l'agnello, il bisonte e il cervo.
  • Il pesce come il tonno, il salmone, il pesce spada, la trota, il branzino e lo sgombro.
  • Il petto del pollame come pollo, tacchino e anatra.
  • Uova, soprattutto l'albume. Il tuorlo è ricco di colesterolo ma uno o due al giorno non è tanto malsano.
  • Latticini come il latte, il formaggio, la ricotta e lo yogurt.

Tonno e salmone sono ai primi due posti come fonte proteica proveniente dal pesce per una dieta per l'aumento della massa muscolare. In situazioni di stress cronico, come allenamenti molto intensi, i livelli di IGF-1 possono essere troppo bassi per permettere la crescita muscolare oltre al fatto che in questa situazione è molto facile avere un elevato stato di infiammazione, sia a livello muscolare che del tessuto adiposo, rendendo difficile la costruzione muscolare e la mobilizzazione del grasso a scopo energetico. In questa caso gli omega 3 possono quindi essere utili aumentando l’IGF-1 e diminuendo l’infiammazione.

Gli omega 3 sono anche in grado di invertire la sarcopenia, cioè la perdita di massa muscolare che avviene nell’anziano (dopo ii 50 anni si perde circa l’1% di massa muscolare ogni anno) e somministrando degli integratori a base di olio di pesce contenenti 3,6g di EPA e 1,5 di DHA, più o meno l’equivalente di 200-300g di salmone si è verificato un aumento della forza e della massa muscolare in una popolazione di settantenni. 

Un risultato sovrapponibile, se non all’allenamento con i pesi, alle terapie antiaging a base di DHEA, testosterone e GH. Quindi se non state assumendo almeno 300 g di pesce al giorno e se volete ottenere i massimi benefici dalla vostra dieta ed allenamento, vi consigliamo di assumere un integratore di acidi grassi omega 3.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Kamaboko, Prodotto Proteico della Cucina Giapponese
04 Maggio 2016

Il Kamaboko, Prodotto Proteico della Cucina Giapponese

Vantaggi e valori nutrizionali di un prodotto molto utilizzato della cucina nipponica

Il Kamaboko è un termine giapponese e sta ad indicare un prodotto alimentare molto usato nella cucina del sol levante e designa succedacei di frutti di mare prodotti utilizzando surimi, un impasto a base di polpa di pesce.

Cheddar Cheese
17 Aprile 2015

Cheddar Cheese

Il Formaggio dei Fast Food proveniente dai Paesi Anglosassoni

Il primo paese al mondo ad aver prodotto il formaggio Cheddar è stata l'Inghilterra, la quale ha poi diffuso in tutte le sue colonie questo prodotto tipico al tal punto da far diventare il Cheddar Cheese il formaggio più diffuso dei paesi anglosassoni. Il nome dato al formaggio Cheddar non ha particolari vincoli di marchio e quindi tutte le case produttrici del mondo chiamano Cheddar il loro formaggio, cosa che ad esempio non avviene con il nostro parmigiano reggiano o grana padano, i quali sono vincolati da leggi sulla denominazione ben precisi

Ultimi post pubblicati

Scheda Palestra Massa Muscolare
26 Marzo 2019

Scheda Palestra Massa Muscolare

L’obiettivo della maggior parte delle persone che frequentano le palestre è quello di aumentare il tono e la massa muscolare a discapito della massa grassa. Vediamo come fare....

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare
24 Marzo 2019

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare

Anoressia e bulimia sono i disturbi alimentari più conosciuti, ma non significa che siano gli unici e tanto meno i più comuni, esistono infatti molte altre anomalie minori del comportamento alimentare, alcune scoperte anche di recente.