ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Muay Thai - Il Calcio Frontale

data di redazione: 02 Maggio 2015 - data modifica: 14 Febbraio 2019
Muay Thai - Il Calcio Frontale

La Potenza ed Efficacia del Calcio Frontale

MUAY THAY, IL CALCIO FRONTALE, TERMINOLOGIA E ALLENAMENTO DI QUESTA TECNICA

  • Il calcio frontale della Muay Thai può essere devastante in combattimento per la forza con il quale può essere sferrato, ma può essere usato anche come "distanziatore" o più precisamente per spezzare l'azione aggressiva dell'avversario.

LE AZIONI DI PERCUSSIONE DELLA MUAY THAI


Partendo dal principio, possiamo dire che le azioni offensive di questa arte marziale le possiamo riassumere con quattro tecniche di base quali:

Per quello che riguarda la corta distanza sappiamo bene che le gomitate e le ginocchiate sono le armi più adatte che il combattente dispone, sono anche le più taglienti e letali, quei colpi che spesso risolvono la situazione, anche nei modi più improvvisi e inaspettati. 

I calci e i pugni sono invece le armi utilizzate per la media e la lunga distanza, diciamo quei colpi che più comunemente si vedono portare a segno. A loro volta, i calci, si distinguono a seconda della loro traettoria in diretti e circolari.


Questi ultimi possono essere bassi, cioè mirare quasi esclusivamente alla coscia dell'avversario (low Kick), medi, che mirano al costato o comunque a media altezza (Middle Kick) e infine alti che mirano al volto (High Kick), tanto per usare termini più comuni a tutti.

IL CALCIO DIRETTO

Una delle tecniche considerate "più lunghe" nel repertorio del combattente di Muay Thay, a parte le tecniche saltate, sono i calci diretti, e sono spesso alla base di ogni strategia di combattimento che usa il fighter, che userà per cercare di controllare il ritmo del match, per spezzare il ritmo e le combinazioni dell'avversario, impostando così un suo gioco ben prestabilito.

Infatti, questa tecnica ha diverse finalità quali:

  • attaccare, rendendo precario l'equilibrio dell'avversario e sferrando un attacco nel momento più favorevole
  • difendersi, come abbiamo già detto interrompendo l'attacco agressivo dell'avversario e quindi imponendo il proprio
  • stuzzicare l'avversario

IL TIIP TRONG


Nella sua forma base, il calcio frontale si chiama Tiip Trong, ed è presente in questa forma di combattimento fin dai tempi più remoti e a prima vista può sembrare una tecnica semplice e facilmente applicabile ma non c'è niente di più sbagliato! 

È una di quelle tecniche che necessita un lungo e accurato allenamento, un colpo alla continua ricerca della perfezione, che deve avere una continua adattabilità alla situazione.


Anche nel manuale di Muay Thay custodito tutt'ora nell'Ufficio della Commissione Cultura della Thailandia, scritto durante l'era di Re Rama III, nelle tecniche di base (Mae Mai), si evidenzia l'importanza di questa tecnica fondamentale di questo stile come calcio di "spinta", usato come tecnica di arresto sull'avversario in avanzata.

Al contrario del calcio "frustato", che viene utilizzato proprio come tecnica di percussione e che viene sferrato con una traettoria diagonale e molto spesso con una sforbiciata di gambe, il Tiip Trong mantiene una traettoria pressoché orizzontale e viene portato con l'avampiede.

COME ALLENARE LA TECNICA DEL CALCIO FRONTALE



Esistono diverse metodologie per allenare questo tipo di calcio e ovviamente ogni scuola ha un suo metodo ben sperimentato. Come abbiamo già detto è una tecnica che necessita tempo e costanza perchè va perfezionata, quindi inizialmente:

  1. conviene studiarla da fermi, poi sucessivamente
  2. in movimento avanzando e per ultimo
  3. arretrando.

Il difficile è utilizzare tutto il corpo assestando il colpo, facendo collaborare in simbiosi tutti i gruppi muscolari e i tendini che entrano in gioco nel movimento, possibilmente su un sacco pesante o meglio un sacco a muro.

Sorpassata questa fase l'allenatore indirizzerà l'allievo verso un lavoro

  • al cinturone addominale o ai pao, in modo da far vivere la tecnica
  • lavorare sull'equilibrio
  • lavorare sui passi e all'adattabilità delle varie situazioni in combattimento
  • Per ultimo viene l'applicazione della tecnica nello sparring.


Potrebbe interessarti anche

Impariamo il judo - 1° parte
27 Agosto 2015

Impariamo il judo - 1° parte

Tecnica fondamentale di controllo e sbilanciamento

Quando si muovono i primi passi nel Judo, le tecniche che vengono insegnate generalmente sono identiche sia per gli adulti che per i bambini. La prima cosa da fare per iniziare un "combattimento" di Judo consiste nell'eseguire le prese, cioè nell'afferrarsi l'un l'altro.

Pliometria e Arti Marziali
13 Aprile 2015

Pliometria e Arti Marziali

Linee guida generali per un buon esercizio della pliometria

L’esecuzione di esercizi pliometrici per le arti marziali serve ad aumentare la potenza esplosiva, la velocità e la capacità di cambiare direzione rapidamente. Eseguiti da soli, gli esercizi pliometrici hanno un’efficacia limitata; infatti essi sono particolarmente utili quando vengono eseguiti in combinazione con un programma di allenamento della forza. Linee guida generali.

Ultimi post pubblicati

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno
11 Maggio 2021

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno

Questo programma è completo ed esaustivo, in quanto è composto da schede di allenamento specifiche per l'aumento della massa e forza muscolare e altre specifiche per la definizione muscolare, mediante l'esecuzione degli esercizi più importanti ed efficaci del bodybuilding.

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine