(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Mantenere Forza e Muscoli Quando Sei Infortunato

data di redazione: 23 Settembre 2017 - data modifica: 24 Settembre 2017
Come Mantenere Forza e Muscoli Quando Sei Infortunato

Non c'è niente di più frustrante per un atleta che essere sotto infortunio e soffrire gli oneri del fatto di non allenarsi.

La frustrazione proviene da diversi fronti:

  • ti senti annoiato perché non puoi più dedicare tempo al tuo solito allenamento
  • ti manca fare lo sport che più ami.
  • però la cosa più importante e forse quella che ti preme di più, è che ti chiedi quanto del tuo duro lavoro andrà a perso.

Per molti, questa frustrazione può portare a risoluzioni affrettate e spesso deleterie.
Spesso succede che si è pronti prima mentalmente più che fisicamente a tornare in palestra ad allenarsi di nuovo, il desiderio è troppo forte e l’ansia di non perdere ulteriormente i guadagni ottenuti ti porta ad allenarti ancora col dolore e rischiare una brutta ricaduta.


La mancanza di allenamento, sì è un problema quando si è infortunati, ma non è poi così negativa come pensi.



La tua testa ti dirà che ogni giorno che passa diventi debole, sempre più debole, la tua resistenza cala, ma l’effettiva perdita di idoneità richiede tempo e non succede solo perché perdi alcune sessioni di allenamento.
L'energia e la flessibilità possono diminuire dopo una settimana di inattività, la resistenza dopo qualche settimana, ma i tuoi livelli di forza generali possono rimanere inalterati anche dopo un mese di letto.


Perfino dopo un anno, è ancora possibile mantenere una parte decente della tua forza generale, inoltre, più sei allenato, più tempo impiegherai a perdere i tuoi guadagni.


Questa è una buona notizia per i veterani con un buon livello di forma fisica.
La prima cosa, e la migliore che devi fare quando sei infortunato è concentrarti sull'alimentazione, tutte le emozioni negative che comporta un infortunio possono portarti a trascurare la dieta e prendere cattive abitudini.
Dopotutto, se non ti alleni tutti i giorni, perché non dovresti mangiare la pizza per colazione? 
L’alimentazione è spesso e volentieri sottovalutata quando si è infortunati, una buona dieta invece aiuterà a sentirti meglio sia mentalmente che fisicamente.
Ciò che metti nello stomaco è una delle chiavi per una ripresa più veloce, dieta sana, vitamine e minerali aiutano a riparare più velocemente i tessuti.

Cibi come farina bianca, patatine e fritti hanno effetti infiammatori che sono cattivi per il fisico e possono accelerare la discesa dovuta all’inattività.
Inoltre, se all’ improvviso cambi la tua dieta,  aumentando drasticamente i carboidrati, avrai immediatamente conseguenze negative sul tuo livello energetico.


Rimani attivo durante il periodo di inattività
In secondo luogo, per evitare di perdere i guadagni è necessario rimanere attivi.
Rimanere attivi al meglio della tua abilità è una delle cose migliori che puoi fare per prevenire o rallentare il decondizionamento.
Non mangiare i tuoi pasti a letto se te lo puoi permettere, quando ti svegli cammina per casa il più possibile.
Se sei costretto a letto, ci sono sempre dei piccoli esercizi che puoi fare per mantenere i muscoli attivi.

Se non sei sul letto, considera l'allenamento che  puoi fare con i muscoli non interessati dal tuo infortunio.

  • Se sei un podista con un infortunio al ginocchio, prova a correre in bicicletta, fare yoga o nuoto.
  • Se hai una epicondilite al gomito vai a correre.
  • Se hai un tendine rotto in una gamba, allena la gamba opposta, (che in una certa misura aiuta a mantenere la forza muscolare anche nella gamba infortunata) oppure allena le braccia e la schiena, la maggior vascolarizzazione indotta dall’esercizio aiuta a guarire la parte infortunata.

È importante ricordare che non c'è un approccio migliore per tornare ai tuoi soliti allenamenti.
In fin dei conti devi sforzarti a cercare stimoli, a cercare di mantenerti sano emotivamente, e il modo migliore per farlo è quello di cambiare il meno possibile la tua routine, di continuare a mangiare bene e anche di dormire bene, tutto questo aiuta anche il tuo corpo a guarire.
Inoltre ricorda che le ferite sono solo temporanee, e se continui a trattarti con rispetto, potrai recuperare completamente e riprenderti in poco tempo tornando in palestra ad allenarti.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Ha Vinto Floyd Mayweather contro Conor McGregor - Video
28 Agosto 2017

Ha Vinto Floyd Mayweather contro Conor McGregor - Video

McGregor ha evidenziato la sua fisicità nei primi tre round, terminando però il match stanco entrando nella trappola di Mayweather; durante le ultime riprese infatti l'esperienza e la classe del campione di boxe, Floyd Mayweather, sono venuti prepotentemente alla ribalta.

Olimpiadi di Pyongyang - Short Track Arianna Fontana Solo Settima Nei 1500 Mt
18 Febbraio 2018

Olimpiadi di Pyongyang - Short Track Arianna Fontana Solo Settima Nei 1500 Mt

Lo Short Track nasce negli Stati Uniti ed in Canada ed è praticamente una gara di pattinaggio su ghiaccio sostanzialmente basato sulla velocità, che si differenzia da altre discipline per il fatto che predilige una partenza in contemporanea. Il nome stesso della disciplina (pista corta) suggerisce che il tracciato è solitamente breve, ovvero 110 metri, anche se le distanze ufficiali variano dai 500, 1000 e appunto i 1500 metri, che poi è quella che interessava le atlete italiane ieri.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4