ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Anatomia del Sistema Nervoso

data di redazione: 03 Luglio 2018
Anatomia del Sistema Nervoso

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO

Il sistema nervoso è l'insieme degli organi e delle strutture che permettono di trasmettere segnali tra le diverse parti del corpo e di coordinare le sue azioni e le sue funzioni volontarie e involontarie, sia fisiche che psicologiche.

Il sistema nervoso pertanto rappresenta la connessione dinamica che consente alle diverse strutture corporee di integrare le informazioni in ingresso per poter elaborare una adeguata e coerente risposta in uscita. 

Risulta fondamentale per il mantenimento dell’omeostasi in quanto il sistema nervoso è la centrale operativa dell’informazione, il primo sistema volto alla regolazione dinamica e all’interazione di altri sistemi. 

E' responsabile per le funzioni intellettivo-mentali e al controllo della muscolatura sia volontaria che involontaria. 

Il sistema nervoso ha il compito di registrare gli stimoli e i segnali di varia natura che gli giungono dall’esterno e dall’interno del nostro corpo, di interpretarli e di dare risposte adeguate.

Il sistema nervoso è composto da:

  • Sistema nervoso centrale (SNC): Composto da encefalo e midollo spinale, alloggiato nel cranio e a livello del rachide
  • Sistema nervoso periferico (SNP): Costituisce l’insieme di quelle parti situate al di fuori 

Anche se suddivisi costituiscono un insieme integrato, in quanto le informazioni integrate e immagazzinate a livello del SNC vengono poi trasdotte in movimento o in azione grazie al SNP.

SNC SISTEMA NERVOSO CENTRALE

Nel mondo della pesistica sentiamo spesso parlare di sistema nervoso centrale, vediamo di cosa si tratta.

Il sistema nervoso centrale è il luogo in cui le informazioni raccolte dal sistema nervoso periferico vengono rielaborate e da cui partono informazioni da distribuire attraverso lo stesso sistema nervoso periferico.

Dal punto di vista anatomico il sistema nervoso centrale è composto da encefalo e midollo, strutture ulteriormente suddivisibili in:

1) Telencefalo 

2) Diencefalo 

3) Mesencefalo 

4) Ponte 

5) Bulbo 

6) Midollo allungato 

7) Cervelletto 

Strutture deputate alle funzioni neurovegetative come quelle deputate a: 

  • Attività respiratoria autonoma
  • Regolazione dell’attività cardiaca
  • Attività vasomotrice 

Oltre a queste funzioni vegetative risulta importante ricordare che i centri nervosi situati a livello del diencefalo includono anche strutture a funzione mista (nervosa e endocrina) come l’ipotalamo e l’ipofisi. 

Questi centri sono importanti per regolazione di funzioni come per esempio lo stimolo della fame, quello della sete, la regolazione della temperatura corporea e il bilancio ormonale. 

Un’altra fondamentale struttura è costituita dal talamo, deputato all’integrazione delle strutture telencefaliche (che dal punto di vista quantitativo rappresentano oltre il 40% del peso cerebrale) con le strutture inferiori. 

Il telencefalo può essere ulteriormente suddiviso in corteccia :

  • Frontale
  • Temporale
  • Parietale
  • Occipitale 


Ognuna con una specifica funzione sensitiva o motoria. 

E’ importante ricordare che a livello dell’encefalo possono essere identificate la sostanza grigia, ricca di corpi cellulari di neuroni e la sostanza bianca, ricca di assoni e quindi con spiccato ruolo di veicolare l’informazione. 

Il cervelletto invece esercita la sua principale funzione come centro di regolazione e coordinazione dei movimenti, rendendoli estremamente coordinati, fini e precisi.

MIDOLLO SPINALE

Il midollo spinale è una struttura appartenente al sistema nervoso centrale e mette in comunicazione il cervello con il resto dell'organismo. 

Attraverso i nervi spinali porta informazioni verso gli altri organi e le altre parti del corpo e invia al cervello i segnali provenienti dal resto dell'organismo.

Dal punto di vista anatomico è costituito da una struttura allungata di forma conica, che raggiunge la lunghezza complessiva di 450 mm circa e un diametro medio di circa 10 mm. 

SNP SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

Si definisce sistema nervoso periferico l'insieme dei gangli nervosi e dei nervi che si possono individuare all'esterno dell'encefalo e del midollo spinale. 

I gangli nervosi sono dei particolari raggruppamenti di neuroni, addetti alla ricezione delle informazioni dai recettori.

Il sistema nervoso periferico è costituito per definizione da tutta quella parte di sistema nervoso al di fuori del sistema nervoso centrale. 

Dal punto di vista anatomico è costituito da:

  • 12 paia di nervi cranici 
  • 31 paia di nervi spinali. 

Ogni paio di nervi è deputato al controllo afferente ed efferente su specifiche zone del corpo, con la possibilità quindi di esercitare sia effetti eccitatori che inibitori, fermo restando i meccanismi di integrazione dell’informazione menzionati in precedenza parlando di sistema nervoso centrale.

SNA SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

Il sistema nervoso autonomo, come il volontario può essere funzionalmente suddiviso in: 

  • Sistema nervoso ortosimpatico (simpatico) 
  • Sistema nervoso parasimpatico. 

Il controllo delle suddette strutture avviene appunto a livello involontario grazie all’intervento del Diencefalo, Mesencefalo, Ponte, Bulbo e Midollo allungato

Sistema nervoso ortosimpatico 

Il sistema nervoso ortosimpatico trova le sue principali strutture a livello dei lombi e del torace innervando principalmente la muscolatura: 

  • Vasale
  • Cardiaca
  • Viscerale 

Costituendo inoltre una potente fonte di controllo a livello dell’attività delle ghiandole sudoripare. 

Generalmente le funzioni esercitate sono di natura eccitatoria, in antagonismo con quanto avviene a livello del sistema nervoso parasimpatico. 

Sistema nervoso parasimpatico 

Il sistema nervoso parasimpatico, da un punto di vista anatomico trova le sue principali strutture a livello craniale e sacrale, innervando principalmente:

  • Visceri toracici 
  • Visceri addominali. 

Dal punto di vista funzionale evoca effetti praticamente opposti e antagonisti a quelli esercitati dal sistema nervoso simpatico

Sistema nervoso enterico 

Quanti cervelli abbiamo? La risposta più corretta è “uno”. 

Eppure abbiamo anche altri sistemi nervosi. Uno di questi è così esteso che è stato definito da alcuni scienziati un “secondo cervello”. È il sistema nervoso enterico (SNE), e si trova non nella testa, ma quasi interamente nella pancia.

Dal punto di vista funzionale governa l’omeostasi e le attività dell’apparato digerente coordinando i riflessi, la contrazione muscolare eccetera, in armonia con quanto avviene contestualmente ai processi digestivi.

Recettori periferici come trasduttori dell’informazione 

I recettori periferici costituiscono una popolazione strutturalmente eterogenea, di cellule deputate alla trasduzione, ovvero al rilevamento di un segnale di natura fisica e alla sua conversione e trasmissione in un segnale di natura chimico-elettrico. 

I sensi generalmente serviti da tali recettori sono:

  • Tatto
  • Dolore
  • Udito
  • Olfatto 
  • Gusto 
  • Vista 
  • Senso di posizione (propiocezione) 

Le vie afferenti sono deputate all’indirizzamento delle informazioni recepite in periferia ai centri superiori: 

  • in linea di massima uno stimolo, una volta recepito a livello recettoriale, passa al ganglio della radice posteriore, ad un neurone presente a livello talamico e da qui alla corteccia cerebrale a livello della quale sarà riconosciuta l’entità del segnale in arrivo.

Le vie efferenti (o motorie) traggono generalmente origine a livello corticale, sinaptano a livello spinale su grossi motoneuroni, definiti appunto motoneuroni alfa che a loro volta porteranno il segnale alle strutture implicate. 

Contestualmente alle vie efferenti è possibile effettuare una suddivisione tra: 

  • Vie piramidali: deputate al controllo del movimento volontario 
  • Vie extrapiramidali: deputate al controllo del tono muscolare, particolarmente per quanto riguarda i muscoli posturali. 

E’ importante ricordare che gli schemi motori appresi vengono eseguiti a livello extrapiramidale, costituendo di fatto una sorta di “automatismo” o riflesso che dir si voglia.



Potrebbe interessarti anche

L'Esercizio Fisico Praticato a Quarantanni, Rallenta l'invecchiamento del Cervello in età Avanzata
09 Marzo 2015

L'Esercizio Fisico Praticato a Quarantanni, Rallenta l'invecchiamento del Cervello in età Avanzata

Molte persone non si preoccupano della salute del loro cervello fino alla tarda età, questo studio fornisce ulteriori prove sul fatto che certi comportamenti e fattori di rischio della mezza età possono avere conseguenze in seguito sull'invecchiamento del cervello

Perché le Bevande Ghiacciate in Estate Fanno Male?
13 Luglio 2015

Perché le Bevande Ghiacciate in Estate Fanno Male?

L'importanza della Temperatura di ciò che beviamo a seconda della Temperatura Esterna

In Estate capita spesso che accompagnamo i nostri pasti con bevande ghiacciate come ad esempio una buona pizza con un bicchiere di coca cola zero pieno di ghiaccio. Anche un pasto leggero e frugale, dieteticamente ineccepibile, può essere rovinato da una bevanda ghiacciata. Lo stomaco, per effetto dei propri processi digestivi, ha una temperatura più alta di quella del corpo, ed è dunque un gravissimo errore introdurvi cibi e bevande ghiacciati che possono alterare il normale svolgimento delle sue funzioni fisio-chimiche, bloccare la digestione e alterarne la delicata struttura delle pareti.

Ultimi post pubblicati

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo
07 Aprile 2021

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo

La routine di allenamento PHAT è stata progettata da Layne Norton bodybuilder e powerlifter. Il programma PHAT combina routine di bodybuilding e powerlifting in un unico programma di allenamento settimanale.