Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Cosa sono i Trigliceridi?

data di redazione: 19 Aprile 2015 - data modifica: 18 Aprile 2015
Cosa sono i Trigliceridi?

Quando parliamo di grassi alimentari stiamo in realtà parlando di TRIGLICERIDI. Essi sono molecole composte da 3 acidi grassi (Tri-) legati a un supporto di glicerolo. I trigliceridi indicano quanti grassi circolano nel sangue e quindi voi penserete che un'alimentazione "ricca di grassi" si traduca in trigliceridi alti, vero?

 

Ed invece non è così, i trigliceridi sono infatti segno di una dieta ricca di carboidrati e danno la misura della sensibilità insulinica. Tanti carboidrati e poca sensibilità insulinica si traducono in un valore dei trigliceridi alti.

 

Non dimenticate, i carboidrati in eccesso vengono convertiti dal fegato in acido palmitico. Contrariamente a quanto si potrebbe credere, i carboidrati in eccesso vengono utilizzati non solo per formare i trigliceridi, ma anche le particelle piccole dense e reattive di Colesterolo LDL.

 

QUANTO DEVE ESSERE?

 

 

I Livelli ancestrali di trigliceridi sembrano oscillare tra 50 e 80 mg/dl. Tuttavia i trigliceridi sono più un segnale d'allarme che un problema di per sè. Se i trigliceridi sono bassi, possiamo essere abbastanza sicuri che il nostro consumo di carboidrati non è eccessivo e che non abbiamo particolari problemi di stile di vita e che quindi la nostra insulino-sensibilità è buona.

 

Per converso, se i nostri trigliceridi superano 100 mg/dl, aumentano le probabilità di sviluppare problemi legati all'infiammazione e quindi che il nostro profilo lipidico abbia caratteristiche aterogeniche e cioè che sia prevalentemente composto da particelle di LDL piccole e dense. L'alcol può fare disastri per i livelli dei trigliceridi e questo è legato alla sensibilità insulinica.

5 REGOLE GENERALI PER CONTENERE I TRIGLICERIDI

  1. Scegliere cibi ad elevato contenuto di fibre e basso tenore in zuccheri semplici.
  2. Scegliere cibi con un basso contenuto di grassi saturi e privilegiare quelli con maggiore tenore di grassi monoinsaturi e polinsaturi
  3. Cucinare senza grassi aggiunti.
  4. Preferire metodi di cottura come: vapore, microonde, griglia o piastra, pentola a pressione, piuttosto che la frittura, la cottura in padella o i bolliti di carne.
  5. Assumere integratori a base di omega 3 disponibili in commercio per favorire la riduzione dei trigliceridi (effetto ipotrigliceridemizzante).
ALIMENTI DA "BANNARE"
  • Superalcolici
  • Alcolici, compresi vino e birra
  • Bevande zuccherine come cola, acqua tonica, tè freddo, ma anche succhi di frutta, perché contengono naturalmente zuccheri semplici anche se riportano la dicitura “senza zuccheri aggiunti”.
  • Cibi da fast-food
  • Zucchero bianco e zucchero di canna per dolcificare le bevande, sostituendolo eventualmente con il dolcificante.
  • Marmellata e miele.
  • Dolci quali torte, pasticcini, biscotti, frollini, gelatine, budini, caramelle.
  • Frutta sciroppata, candita, mostarda di frutta.
  • Prodotti da forno contenenti la dizione “grassi vegetali” (se non altrimenti specificato generalmente contengono oli vegetali saturi: palma, cocco)
  • Grassi animali: burro, lardo, strutto, panna.
  • Frattaglie: fegato, cervello, reni, rognone, cuore.
  • Insaccati ad elevato tenore in grassi saturi, salame, salsiccia, mortadella, ecc. oltre alle parti grasse delle carni.
  • Latte intero o condensato, yogurt intero, formaggi ad elevato tenore in grassi saturi e colesterolo.

 

ALIMENTI CONSENTITI E CONSIGLIATI
 
  • Pesce di tutti i tipi almeno tre volte alla settimana.
  • Privilegiare quello azzurro (aringa, sardina, sgombro, alice…) e salmone per il loro contenuto di omega 3.
  • Verdure, crude e cotte, da assumere in porzioni abbondanti. La varietà nella scelta permette di introdurre correttamente i Sali minerali, le vitamine e gli antiossidanti necessari per l’organismo.
  • Pane, pasta, riso, avena, orzo, farro (privilegiando quelli integrali).
  • Latte e yogurt scremati o parzialmente scremati.
  • Carne sia rossa che bianca (proveniente da tagli magri e che sia privata del grasso visibile). Pollame senza pelle.
  • Affettati quali prosciutto cotto, crudo, speck, bresaola, affettato di tacchino/pollo purché sgrassati e non più di 1 o 2 volte alla settimana.
  • Formaggi freschi a basso contenuto di grassi, oppure formaggi stagionati prodotti con latte che durante la lavorazione è parzialmente decremato, come il Grana Padano DOP, e con un buon apporto di grassi insaturi.
  • Legumi da 2 a 4 volte alla settimana, come secondo piatto.
  • Acqua, tè, tisane senza zucchero
Buon ABC Allenamento  
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Meccanismo Del Colpo Di Calore
11 Agosto 2015

Il Meccanismo Del Colpo Di Calore

Come comportarsi quando si affronta un colpo di calore e come evitarlo

Già in un precedente articolo abbiamo parlato del colpo di calore, una patologia cui dobbiamo far fronte generalmente nei mesi estivi e che dobbiamo saper riconoscere ed evitare, ma quali sono i meccanismi che lo generano?

Che Cos'è la Serotonina
28 Marzo 2015

Che Cos'è la Serotonina

Come Funziona, Come Aumentarla

La serotonina è una sostanza chimica prodotta dal corpo umano, che funge da neurotrasmettitore. E' considerata da alcuni ricercatori come la sostanza chimica responsabile di mantenere il bilanciamento del nostro umore, quindi un deficit di serotonina potrebbe portare alla depressione.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.