Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ultimate

data di redazione: 13 Ottobre 2015
Ultimate

Il gioco con il Frisbee

I prati sono i luoghi dove viene svolta questa specialità, nata come divertente intrattenimento e diventata, nel tempo, un vero sport, con tecniche e regole specifiche. L’Ultimate e le sue discipline gemelle sono attività sportive ideali per coloro che aspirano a divenire abili giocolieri del vento.

Le origini del frisbee

Lo sport che usa come attrezzo principale il frisbee (un disco di plastica dal peso di 175 gr.) nasce negli Stati Uniti a fine anni ‘50, con alcuni studenti che, per divertirsi, si lanciavano teglie di metallo.

Nel 1958 fu brevettato il primo frisbee in plastica, mentre agli anni ‘70 risale lo sviluppo dell’ Ultimate, sport vero e proprio che, per il conteggio dei punti, si rifà al football americano. la prima Associazione Italiana Frisbee (AIF) è del 1977.

Trattasi di un gioco di squadra praticabile all'esterno o al coperto, fra due squadre di 7 giocatori che si contendono un frisbee cercando di realizzare più mete possibili.

Il disco può essere lanciato da un compagno all'altro ma non può essere trasportato né strappato dalle mani degli avversari.

La partita termina quando una squadra raggiunge i 21 punti (ogni meta vale 1 punto) con 2 di margine.

Questo sport si gioca su un campo rettangolare su qui vengono tracciate le linee funzionali al gioco; sempre più utilizzate sono le aree prative degli spazi pubblici e le spiagge.

È indicato a chi è dotato di agilità e resistenza spiccate.

Poiché non esiste giuria arbitrale, la pratica sviluppa un elevato spirito sportivo.

Per imparare a giocare a frisbee si può cominciare circa all’età di 10 anni cioè quando le capacità coordinative sono già sufficienti per avvicinare questo sport.


È un gioco di squadra, di moderato contatto con l’avversario, impiega in modo alternato e al massimo le capacità aerobiche e anaerobiche e richiede grandi doti di destrezza, fisiologiche e muscolari.

È uno sport completo che sollecita a livelli elevati il sistema cardiovascolare; comporta notevole affaticamento muscolare locale dovuto ai ripetuti brevi scatti e cambi di direzione.

Sono potenziate potenza e capacità anaerobica, velocità, ed esplosività.

Giocare a Ultimate sviluppa apprendimento, controllo e adattamento del gesto motorio, allena ad ottimizzare l’utilizzo degli spazi, dota il giocatore di buona coordinazione manuale e oculare, migliora la percezione spazio-temporale, l’anticipazione e la fantasia motoria, le capacità acrobatiche, e di reazione a stimoli improvvisi e complessi.

Preparazione atletica del gioco con il frisbee

Per prepararsi adeguatamente ad una partita performante di Ultimate si deve allenare la corsa medio veloce e prolungata: scatti da 400/1000 m più volte in 30 minuti.

Allenare quindi scatti ripetuti con cambi di direzione e modalità di spostamento su distanze brevi aiuta a migliorare in modo funzionale azionando i sistemi energetici specifici per eccellere in campo.

Naturalmente non devono mancare esercizi di tono muscolare a terra: via libera ad addominali, lombari, piegamenti sulle braccia, e lavori con i pesi liberi in palestra.


Inconvenienti a cui si potrebbe andare incontro...

È un'attività impegnativa per l'apparato muscolare, e non solo: è impegnativa anche a livello anche dei tendini e delle articolazioni, questo a causa dei continui impatti con il terreno ad altissima velocità, a volte anche fuori equilibrio, questo sport impegna le caviglie rischiando frequenti traumi distorsivi, soprattutto in fase di atterraggio dai salti.

I pericoli si limitano a urti con l'avversario in fase di ricezione (manate involontarie) e a colpi del disco sulle dita e al viso.

Cosa mangia un giocatore di Ultimate

L'intensità dello sforzo suggerisce un pasto leggero ma completo almeno 2 ore prima dell'inizio dell'attività; è bene iniziare la partita già bene idratati, poiché le pause sono ridotte a troppo brevi per potersi dissetare.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta
05 Novembre 2014

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta

Un uomo nato per correre

Il potenziale di Mohamed Farah, detto Mo, è stato avvistato quando aveva 11 anni di età dal suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, dell'Isleworth e Syon Scuola di London Borough of Hounslow. Dopo averlo visto correre, ha subito capito che Mo aveva il potenziale per competere nei più alti livelli. Questo incontro ha cambiato la vita di Farah. Prima di essere incoraggiato a concentrarsi sull'atletica, è stato quasi sempre nei guai a scuola. Mo Farrah è un rifugiato somalo e quando arrivò in Gran Bretagna all'età di 8 anni, parlava poco l'inglese. Spesso era coinvolto in risse, sia dentro che fuori la scuola, finché non trovò qualcosa su cui focalizzare la sua energia.

​L'Allenamento dei Muscoli Inspiratori e Prestazioni sugli Sport di Resistenza
25 Ottobre 2015

​L'Allenamento dei Muscoli Inspiratori e Prestazioni sugli Sport di Resistenza

Il rafforzamento dei muscoli inspiratori, mediante esercizi di respirazione, eseguiti quotidianamente riduce significativamente la quantità di ossigeno necessaria durante l'esercizio fisico.

Ultimi post pubblicati

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali
19 Febbraio 2020

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali

I muscoli delle gambe sono tra i più voluminosi, affamati di ossigeno e forti che abbiamo nel corpo. Allenarli coinvolge rapidamente la respirazione e il metabolismo. L'allenamento funzionale impiega i movimenti tipici pionieristici: accosciate, piegamenti braccia, piegamenti gambe, salti e tutte le forme di trazione.

Super Allenamento Per i Pettorali
19 Febbraio 2020

Super Allenamento Per i Pettorali

Lo sbaglio che effettuano moltissimi praticanti in palestra, in merito all’allenamento dei pettorali, è quello di concentrarsi esclusivamente sulle distensioni su panca piana con bilanciere. Questo esercizio base è importante, in quanto permette di aumentare la forza di base, ma non è esaustivo per incrementare la massa muscolare dei pettorali.