Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ho Perso La Motivazione

data di redazione: 17 Ottobre 2018 - data modifica: 24 Novembre 2018
Ho Perso La Motivazione

Ed eccomi qui con un nuovo articolo, questa volta piuttosto sentito, forse perché tratta di un momento di vita passato poco tempo fa, in prima persona, sulla mia pelle; quindi penso che queste righe possano chiamarsi propriamente una confidenza a cuore aperto.

HO PERSO LA MOTIVAZIONE!

A chi non sono mai capitati periodi No con la “N” maiuscola in cui allenarsi e qualsiasi altra attività che richieda un minimo di sforzo mentale e fisico procura angoscia, ansia, tristezza e chi più ne ha più ne metta? 

Lo ammetto, io pensavo di essere immune da tutto questo, guardavo dall’alto del mio piedistallo le persone che vivevano momenti di crisi, credendo che a me non sarebbe mai capitato. 

Se amavo il mio stile di vita a tal punto di decidere di farne un lavoro, niente avrebbe potuto scalfirmi, giusto? 

Però, così non è stato in uno di quelli che posso definire indubbiamente tra i momenti più difficili della mia vita. Non starò qui ad annoiarvi con le motivazioni di ciò che mi ha letteralmente mandato il cervello fuori dai ranghi, semplicemente voglio esservi d’aiuto qualora stiate passando un momento simile, con qualche consiglio per uscire da una fase di demotivazione.

Ciò che vi posso dire, è che secondo il mio modesto parere, il calo della motivazione arriva in un momento in cui avete completamente abbassato le difese, e probabilmente non è neanche dovuto a ragioni inerenti al vostro tipo di allenamento. 

Anche perché, parliamoci chiaro, siamo persone normali! Amiamo il fitness ma attorno a questa piacevole parentesi della nostra giornata c’è ben altro, chi ha moglie e figli a casa, chi come me ha cane e gatti, chi lavora 12 ore al giorno per garantirsi una vita dignitosa, ecc… insomma, c’è tutta la nostra vita che procede con alti e bassi.

Io ritengo che ogni persona che conduce uno stile di vita “fit” se così lo vogliamo definire, e si allena duramente per obiettivi, anche se non ha scopi di tipo agonistico, possa essere definito Atleta, questo è vero soprattutto nell’ambito del bodybuilding. 

L’Atleta è una persona che è abituata a dare il massimo, il 150% di se stesso durante l’allenamento, ma anche nella vita; è abituato a ricercare la perfezione per quanto irraggiungibile e il meglio che possa conseguire negli ambiti che lo riguardano, lavorativi, famigliari, e atletici.

Arriva però un momento in cui inizia ad andare tutto nel verso che non speravamo e se ciò succede quando siamo più deboli, a volte la forza per reagire viene meno. 

Come conseguenza c’è chi, come ha fatto la sottoscritta, si rifugia in ciò che ama di più, all’interno del luogo felice, quel luogo dove le lancette dell’orologio girano più veloci, dove puoi scaricare le tue energie, ma anche le tue debolezze e la tua rabbia: la palestra. 

C’è chi inizierà ad allenarsi di più e più duramente (e a questo proposito sottolineo che il sovrallenamento è un fattore che incide in maniera molto netta sul calo della motivazione!) oppure si troverà a frequentare sempre meno la palestra, ma il risultato sarà comunque che un giorno si scoprirà amaramente di non avere voglia di allenarsi. 

È una botta improvvisa, come quando in un rapporto sentimentale ti alzi un mattino e capisci di non amare più la persona che hai al tuo fianco. Ecco in quel momento è arrivato il calo della motivazione, a cui seguono una serie di reazioni a catena:

  • ti guardi allo specchio e ti vedi male, sbagliato, non ti apprezzi fisicamente
  • dai la colpa al protocollo di allenamento, qualunque esso sia 
  • non sei più soddisfatto della tua alimentazione
  • vai ad allenarti ogni tanto ma ti mancano le energie, le forze, soprattutto quelle mentali
  • ti senti privo di obiettivi e non trovi più la ragione per allenarti

Come reagire a questo punto?

Bene, se in una storia d’amore di lunga data, il fatidico mattino in cui scopri di non amare più il tuo compagno, decidi di riprovarci e di investire le tue ultime energie per cercare di far decollare nuovamente il rapporto, questo è esattamente ciò che NON DEVI FARE quando arriva il calo di motivazione per allenarti.

Prima di tutto, l’allenamento è una scelta che si fa per se stessi, un “di più” che vogliamo dare alla nostra vita, quindi deve ASSOLUTAMENTE farci stare meglio, e questo è un particolare indispensabile! 

Soprattutto nel periodo iniziale in cui vivi questo momento, se allenarti non ti rende più felice semplicemente non lo fare! 

Prenditi una pausa, è fondamentale. 

Potrebbe volerci una settimana, forse due o tre, forse un mese, non importa; non forzare te stesso ad una routine che in questo momento non fa più al caso tuo e che non riesci a sostenere. 

Ascolta il tuo corpo e quello che ti sta chiedendo, se senti comunque la necessità di allenarti, fallo ma più liberamente, magari non avrai voglia di seguire il tuo solito protocollo, e vorrai provare nuovi sport oppure nuovi stimoli, quindi asseconda le tue voglie. 

Nuota, corri, esplora nuovi orizzonti che ti diano un nuovo input positivo; potresti aver fatto anni di sala pesi, ma desiderare provare sport a corpo libero, o viceversa, non crearti limiti mentali, non ne hai bisogno in questo momento, prova tutto ciò di cui avrai voglia e che ti consenta di stare meglio. 

Anche cambiare ambiente può essere utile, una nuova palestra, più nuova o che si avvicina di più alle esigenze del momento, è un’opzione da valutare.

Esamina il tuo percorso di allenamento, ricordati da dove sei partito, la tua condizione iniziale e non te la dimenticare mai perché ti farà capire gli obiettivi che hai raggiunto con i tuoi sacrifici, il tuo sudore e la tua forza di volontà, che ti hanno permesso di arrivare ad oggi, sicuramente migliorato fisicamente e temprato mentalmente. 

Ora sei una persona migliore, ma non sei ancora arrivato, quindi potrebbe servirti qualcosa di nuovo per ritrovarti o semplicemente dei nuovi obiettivi. 

Quali sono? 

Scrivili su un foglio o su una nota del cellulare, ragionare su te stesso ti aiuterà.
Dopo aver capito ciò che vuoi veramente, non ti resta che osservare il tuo precedente allenamento e capire se rispecchia le tue esigenze e i tuoi obiettivi. 

Metti in dubbio il tuo protocollo di lavoro, se stai usando una metodica che ha sempre funzionato, ma ormai è da un po’ che non hai più i risultati sperati, non avere paura, cambia, dai al tuo corpo e al tuo cervello una novità di cui alimentarsi e che possa portarti a raggiungere quelli che sono i tuoi più recenti traguardi.

A questo punto, dopo il periodo di stop o di semplice cambiamento delle abitudini, tu con i tuoi nuovi obiettivi, sei pronto per ricominciare. 

Non importa quanto tempo ci hai messo, non importa quanta fatica farai, un giorno prenderai per mano te stesso, entrerai in palestra e respirerai di nuovo l’aria di casa, e guardando le lancette dell’orologio ti renderai conto che il tempo passa sempre troppo in fretta quando stai bene.

Se vuoi seguirmi anche su INSTAGRAM, visita FITNESS & PATATINE 

Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Rimanere Magri Per Sempre Dopo una Dieta
07 Aprile 2016

Come Rimanere Magri Per Sempre Dopo una Dieta

L'uomo e' fatto per mangiare liberamente, ma i cibi giusti, adatti al suo corpo ed essere attivo, dinamico, sano e forte.

5 Consigli Motivazionali per Buttare giù la Pancia
08 Maggio 2019

5 Consigli Motivazionali per Buttare giù la Pancia

Spesso sono la società e le cattive abitudini a far aumentare il giro vita

Non si eliminano in pochi giorni delle abitudini che si sono protratte negli anni, ma se sarete perseveranti otterrete davvero dei buoni risultati, in ogni caso una volta raggiunto il risultato desiderato dovrete continuare a mantenere le buone abitudini acquisite, se non volete che il problema si ripresenti. Quindi seguire una dieta da campo di concentramento per un tot di tempo non serve a nulla se dopo non si adotta un determinato stile di vita.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.