ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ipertensione il KILLER Silenzioso

data di redazione: 06 Gennaio 2017 - data modifica: 12 Luglio 2019
Ipertensione il KILLER Silenzioso

L'ipertensione è una patologia subdola, è anche definita per questo il "killer silenzioso", perché di solito rimane asintomatica fino ad uno stadio avanzato. Possiamo cominciare a parlare di ipertensione quando siamo di fronte ad una condizione in cui la pressione arteriosa risulta superiore ai valori considerati normali.

Poiché questa patologia non causa sintomi fino alla comparsa delle complicanze circa la metà dei soggetti ipertesi non sa di esserlo; questo succede più raramente ai soggetti sportivi, in quanto questi si sottopongono a visita medica in genere una volta l'anno o comunque più spesso.

Come possiamo scoprire se siamo ipertesi?

L'unico modo per accertarlo è farsi misurare la pressione dal medico, oppure misurarsela da soli servendosi di apposite attrezzature. L'ipertensione purtroppo non è accompagnata da sintomi specifici, ad esempio l'emicrania. Tutti gli adulti quindi dovrebbero sottoporsi a controlli periodici.

Quali sono le cause dell'ipertensione?

Sembra che l'ipertensione sia provocata dall'interazione tra fattori genetici (ereditari) e fattori legati allo stile di vita. In generale c'è la tendenza a consumare quantità elevate di sale; anche l'obesità o il sovrappeso, così come un eccessivo consumo di alcol rivestono un ruolo importante. In una ridotta percentuale di pazienti, all'origine dell'ipertensione vi è una patologia renale.

Ma perchè è così importante sapere se soffriamo di ipertensione?

Per comprenderne almeno superficialmente i rischi bisognerebbe conoscerne più a fondo il meccanismo. Possiamo paragonare i vasi sanguigni a tubi di gomma che riforniscono costantemente di sangue l'intero organismo. Le arterie, preposte al trasporto del sangue fuori dal cuore, devono resistere alla notevole forza con cui il sangue viene spinto dal muscolo cardiaco.

Se la pressione sanguigna rimane alta per diversi anni, come succede nel caso dell'ipertensione non trattata, i vasi cominciano a danneggiarsi. Il rivestimento delle arterie si ispessisce e si irruvidisce, finendo con il restringerne il lume. Le arterie diventano meno flessibili ed elastiche, e inizia a svilupparsi un processo noto come "aterosclerosi". Se un'arteria si restringe troppo, il sangue non può fluire in maniera corretta.

Rischi di infarto miocardico o cerebrale

Nella parte del corpo che per il rifornimento ematico dipende dall'arteria in questione si verifica una carenza di sangue e dell'ossigeno vitale che esso trasporta. In seguito a questo progressivo restringimento dell'arteria, aumenta la tendenza alla formazione di coaguli (trombi), che possono causare la totale ostruzione del vaso e quindi la morte della regione dell'organismo che riforniva. Se le zone interessate sono il cuore o il cervello si parla di infarto miocardico o cerebrale.

I primi passi per ridurre la pressione arteriosa

Ovviamente prevenire è meglio che curare, quindi facendo una vita sportiva, mangiando sano ed equilibrato e non abbandonandosi ai vizi sicuramente si riducono drasticamente le possibilità di soffrire di questa patologia. Nel caso si soffrisse di pressione alta, per ridurla è necessaria una dieta povera di sodio e ricca di potassio; è opportuno inoltre cercare di non aumentare di peso e non consumare alcool. Inoltre è consigliabile misurarsi la pressione costantemente, mantenendo i valori pressori entro livelli accettabili.

Se anche queste contromisure non fossero sufficienti...

Se l'ipertensione non migliora grazie ai soli cambiamenti dello stile di vita e dell'alimentazione occorre il più delle volte ricorrere alla terapia farmacologica. I farmaci antipertensivi sono numerosi e, grazie a tale molteplicità di alternative, il rischio di effetti collaterali si riduce al minimo. Bisogna tenere conto che, se la pressione arteriosa è sotto controllo, il rischio di attacco cardiaco e di ictus viene ridotto in misura significativa.

Esistono integratori utili contro l'ipertensione?

Alcuni integratori possono facilitare la riduzione della pressione sanguigna diminuendo di riflesso il rischio di ipertensione, soprattutto se associati a dieta e sport; tali prodotti non sono consigliati a chi presenta valori di pressione normali (al di sotto degli 85mmHg per la diastolica e al di sotto dei 135mmHg per la sistolica) o a chi segue una cura farmacologica sufficiente a compensare l'eventuale forma ipertensiva.

I diuretici sono integratori utili per abbassare la pressione, contengono molecole (o estratti) utili a promuovere la filtrazione renale. 

Va comunque precisato che alcuni vantano concentrazioni notevoli di molecole che, pur essendo diuretiche, hanno anche effetto stimolante ed ipertensivo; per questo tali prodotti NON facilitano l'abbassamento della pressione (ad es. la caffeina e la theina). 

Cosa mangiare?



Potrebbe interessarti anche

Crisi d'Asma Sport e Rimedi
01 Ottobre 2014

Crisi d'Asma Sport e Rimedi

Le crisi asmatiche spesso sono dovute a un'allergia come ad esempio la polvere, ai peli di animali, ai pollini ma la crisi può essere scatenata anche da altri fattori irritanti come i virus dell'influenza, il fumo, l'inquinamento o da uno sforzo fisico.

EPOC (Excess Postexercise Oxygen Consumption)
06 Maggio 2019

EPOC (Excess Postexercise Oxygen Consumption)

EPOC, è l'acronimo di Excess Postexercise Oxygen Consumption (volgarmente detto "afterburn"), traducibile in italiano come Consumo di ossigeno in eccesso post-allenamento, ed è l'indice di misurazione dell'aumento del consumo di ossigeno a seguito della intensa attività, destinato a soddisfare il "debito di ossigeno" del corpo.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.