Vitamina E - Tocoferolo tutto quello che c'è da sapere

Vitamina E - Tocoferolo tutto quello che c'è da sapere

Tutte le domande e le risposte sulla vitamina E

La vitamina E è un nutriente liposolubile che si trova in molti alimenti. Nel corpo, agisce come un antiossidante, aiuta a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. I radicali liberi sono composti che si formano quando il nostro corpi converte il cibo che mangiamo in energia. Le persone sono esposte ai radicali liberi anche dall'ambiente come il fumo di sigaretta, l'inquinamento atmosferico, e la luce ultravioletta proveniente dal sole.

Il corpo ha bisogno anche di vitamina E per aumentare il sistema immunitario in modo che possa combattere l'invasione di batteri e virus. Essa aiuta ad allargare i vasi sanguigni e mantenere la coagulazione del sangue al loro interno. Inoltre, le cellule utilizzano la vitamina E per interagire tra loro e per svolgere molte funzioni importanti.

 

Di quanta vitamina E ho bisogno?

 

La quantità di vitamina E necessaria ogni giorno dipende dalla vostra età.

Nella media assunzioni giornaliere raccomandate sono elencate di seguito in milligrammi (mg) ed in Unità Internazionali (UI). Nell'Elenco dell'etichetta della confezione la quantità di vitamina E negli alimenti dietetici e integratori è misurata in UI.

 

Età                 Dose consigliata

Nascita a 6 mesi       4 mg (6 UI)

Neonati 7-12 mesi    5 mg (7,5 UI)

Bambini 1-3 anni       6 mg (9 UI)

Bambini 4-8 anni       7 mg (10,4 UI)

Bambini 9-13 anni     11 mg (16,4 UI)

Teens 14-18 anni     15 mg (22,4 UI)

Adulti     15 mg (22,4 UI)

Adolescenti e donne incinte 15 mg (22,4 UI)

Adolescenti e le donne che allattano 19 mg (28,4 UI)

 

Quali alimenti forniscono la vitamina E- Tocoferolo?

 

La vitamina E la si trova naturalmente negli alimenti o viene aggiunta ad alcuni alimenti fortificati. È possibile ottenere quantità raccomandate di vitamina E mangiando una varietà di alimenti, tra cui i seguenti:

Oli vegetali come germe di grano, semi di girasole, olio di cartamo che sono tra le migliori fonti di vitamina E. Anche il Mais e l'olio di soia contengono vitamina E.

Frutta a guscio (come arachidi, nocciole, e, soprattutto, mandorle) e semi (come i semi di girasole) sono tra le migliori fonti di vitamina E.

Verdure, come spinaci e broccoli, contengono vitamina E.

Le aziende alimentari aggiungono vitamina E ad alcuni cereali per la colazione, succhi di frutta, margarine e creme spalmabili, e altri alimenti. Per conoscere quali contengono la vitamina E, controllate le etichette dei prodotti.

 

Che tipo di vitamina E è disponibile come integratore alimentare?

 

Integratori di vitamina E sono disponibili in quantità e forme diverse. Due cose principali da considerare quando si sceglie un supplemento di vitamina E sono:

 

La quantità di vitamina E : gli integratori che si assumono più di una volta al giorno come il multivitaminico-minerale forniscono circa 30 UI di vitamina E, mentre quelli che contengono solo vitamina E di solito contengono da 100 a 1.000 UI per pillola.

 

Le dosi di integratori di sola vitamina E sono molto più elevati rispetto alle quantità raccomandate. Alcune persone prendono grandi dosi perché credono o sperano che così facendo possano mantenersi sani o ridurre il loro rischio di alcune malattie.

 

La forma di vitamina E : Anche se la vitamina E suona come una singola sostanza, in realtà è il nome di otto composti correlati negli alimenti, tra cui l'alfa-tocoferolo . Ogni forma ha una potenza diversa, o livello di attività nel corpo.

 

La vitamina E da (cibo) fonti naturali è elencata come "d-alfa-tocoferolo" sulle confezioni degli alimenti ed etichette di integratori.

 

La forma sintetica (prodotto-laboratorio) di vitamina E è elencata come "dl-alfa-tocoferolo." La forma naturale è più potente. Ad esempio, 100 IU di vitamina E naturale è pari a circa 150 UI di forma sintetica.

Alcuni integratori di vitamina E forniscono altre forme di questa vitamina, come gamma-tocoferolo, tocotrienoli e tocoferoli misti. Gli scienziati non sanno se una di queste forme sia superiore alla alfa-tocoferolo negli integratori.

 

Sto assumendo abbastanza vitamina E?

 

Solitamente la dieta Mediterranea fornisce una buona quantità di vitamina E.

La maggior parte delle diete degli americani fornisce invece meno vitamina E rispetto alle quantità raccomandate.

Tuttavia, le persone sane raramente mostrano segni evidenti cdi mancanza di vitamina E (vedi domanda successiva per informazioni sui segni di carenza di vitamina E).

 

Cosa succede se non assumo abbastanza vitamina E?

 

La carenza di vitamina E è molto rara nelle persone sane. E 'quasi sempre legata a determinate malattie in cui il grasso non è ben digerito o assorbito. Gli esempi includono la malattia di Crohn, la fibrosi cistica, e alcune malattie genetiche rare come abetalipoproteinemia e atassia con deficit di vitamina E (AVED). La vitamina E ha bisogno di grasso per essere assorbita dal sistema digestivo.

La carenza di vitamina E può causare danni ai nervi e muscoli che si traduce in perdita di sensibilità alle braccia e alle gambe, perdita di controllo movimento del corpo, debolezza muscolare e problemi di vista. Un altro segno di carenza è un sistema immunitario indebolito.

 

Quali sono gli effetti della vitamina E sulla salute?

 

Gli scienziati stanno studiando la vitamina E per capire come influisce sulla salute. Ecco alcuni esempi di ciò che la ricerca ha dimostrato.

Malattia cardiaca

Alcuni studi collegano una maggiore assunzione di vitamina E da integratori per abbassare le probabilità di sviluppare malattie cardiache. Una ricerca invece non ha trovato alcun beneficio. Alle persone che hanno partecipato a questi studi sono assegnati in modo casuale a prendere la vitamina E o un placebo (pillola fittizia senza vitamina E o principi attivi) non sapendo cosa stessero prendendo. Gli integratori di vitamina E non sembrano prevenire le malattie cardiache, ridurre la sua gravità, o influenzare il rischio di morte per questa malattia. Gli scienziati non sanno se elevate assunzioni di vitamina E possono proteggere il cuore dei giovani o persone sane che non hanno un alto rischio di malattie cardiache.

 

Cancro

la maggior parte delle ricerche indicano che la vitamina E non aiuta a prevenire il cancro e può essere dannosa in alcuni casi. Le grandi dosi di vitamina E non hanno costantemente ridotto il rischio di cancro del colon e della mammella in alcuni studi.

Un ampio studio ha trovato che l'assunzione di supplementi di vitamina E (400 UI / die) per diversi anni ha aumentato il rischio di poter sviluppare il cancro alla prostata negli uomini. Due studi che seguirono gli uomini e le donne di mezza età per 7 o più anni hanno scoperto che dosi maggiori di vitamina E (300-400 UI / die, in media) non li proteggevano da qualsiasi forma di cancro.

Tuttavia, uno studio ha trovato un legame tra l'uso di integrazione con vitamina E per 10 anni o più e un minor rischio di morte per cancro alla vescica .

Integratori alimentari di Vitamina E e altri antiossidanti potrebbero interagire con la chemioterapia e la radioterapia.

Le persone che subiscono questi trattamenti devono parlare con il loro medico o oncologo prima di assumere vitamina E o altri integratori antiossidanti, specialmente in dosi elevate.

 

Disturbi oculari

La degenerazione maculare legata all'età (AMD), o la perdita della vista nelle persone anziane e la cataratta sono tra le più comuni cause di perdita della vista nelle persone anziane. I risultati della ricerca se la vitamina E può aiutare a prevenire queste condizioni sono incoerenti. Tra le persone con stadio precoce di AMD, un integratore contenente alte dosi di vitamina E in combinazione con altri antiossidanti, zinco e rame ha mostrato di rallentare il tasso di perdita della vista.

 

Funzione mentale

Diversi studi hanno indagato se gli intregratori di vitamina E potrebbero aiutare gli anziani a rimanere mentalmente vigili e attivi, nonché impedire o rallentare il declino della funzione mentale e la malattia di Alzheimer. Finora, la ricerca fornisce poche prove che l'assunzione di ntegratori di vitamina E possa aiutare le persone sane o persone con lievi problemi di funzionamento mentale a mantenere la salute del cervello.

 

La vitamina E può essere dannosa?

 

Mangiare vitamina E negli alimenti non è rischioso o dannoso. In forma di integratori, alte dosi di vitamina E potrebbero aumentare il rischio di sanguinamento (riducendo la capacità del sangue di formare coaguli dopo un taglio o infortunio) e di una grave emorragia nel cervello (noto come emorragico ictus ). Il più alto livello di sicurezza di assunzione di integratori per gli adulti è di 1.500 UI / die per le forme naturali di vitamina E e 1.100 UI / die per la forma sintetica.

I più alti livelli di sicurezza per i bambini sono inferiori a quelli per gli adulti.

Alcune recenti ricerche suggeriscono che l'assunzione di vitamina E al di sotto di questi livelli tollerabili potrebbero aumentare il rischio di cancro alla prostata negli uomini. La vitamina E potrebbe anche aumentare il rischio di morte in alcuni adulti con malattie croniche, ma questo non sembra verificarsi in persone sane.

 

Ci sono interazioni di farmaci con la vitamina E da conoscere?

 

Integratori alimentari di vitamina E possono interagire o interferire con alcuni medicinali.

Ecco alcuni esempi:

La vitamina E può aumentare il rischio di sanguinamento in persone che assumono farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, come il warfarin (Coumadin ®).

In uno studio, la vitamina E oltre ad altri antiossidanti (come la vitamina C, selenio e beta-carotene ) ha ridotto gli effetti cuore-protettivo di due farmaci assunti in associazione (una statina e niacina) per aver influenzato i livelli di colesterolo nel sangue.

L'assunzione di integratori antiossidanti, quando si è sottoposti a chemioterapia o radioterapia per il cancro potrebbe alterare l'efficacia di questi trattamenti.

Informate il vostro medico, il farmacista, e altri operatori sanitari su eventuali integratori alimentari e farmaci che si prendono. Potranno dirvi se questi integratori alimentari potrebbero interagire o interferire con la prescrizione dei farmaci, o se i farmaci potrebbero interferire con il modo in cui il corpo assorbe o utilizza i nutrienti.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati