Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Kettlebell Snatch

data di redazione: 24 Maggio 2016
Kettlebell Snatch

Lo Snatch è il re degli esercizi per quanto riguarda l’allenamento funzionale con i kettlebells, non si può rinunciare ai benefici apportati da questo movimento in termini di esplosività e condizionamento, pertanto è doveroso impararne la tecnica, in quanto in questo genere di allenamento, và a braccetto con forza e condizione fisica.

Per eseguire un corretto Snatch valgono i medesimi fondamenti che si applicano per la spinta durante lo swing: la forza si propaga dalle gambe con una contrazione forte e rapida di gambe e glutei.

L’allievo, partendo nella posizione iniziale già descritta negli articoli dedicati allo swing, facendo oscillare il kettlebell in mezzo alle gambe, con un movimento rapido, costante ed ininterrotto, diciamo unico, la porta sopra la linea della testa a braccio esteso, facendo in modo che la palla di ghisa ruoti al di sopra del polso e si appoggi delicatamente sopra all'avambraccio. Quest’ultimo punto sarà forse la parte più difficile e dolorosa da apprendere ed imparare, soprattutto per i neofiti.

Nel momento che il carico arriva sopra la testa, il braccio deve essere sulla verticale e non andare in retro-posizione rispetto alla linea del capo per evitare inutile stress articolare al cingolo scapolo-omerale. Questo dettaglio è da curare con attenzione per la nostra sicurezza in quanto, sull’inerzia, è facile proseguire oltre con il movimento.

Nella posizione over head (punto alto dell’esercizio), l’atleta sosterà per qualche secondo, prima di eseguire una nuova ripetizione, e in quegli istanti avrà da curare l’allineamento del polso sull’avambraccio e la contrazione di tutti i distretti muscolari.

Questo esercizio è uno dei più complicati da eseguire in quanto i fattori da monitorare sono molteplici e lo stress, sia a livello muscolare distrettuale, sia a livello organico e cardiovascolare, è decisamente elevato.

Punto di partenza per arrivare alla conclusione corretta del movimento è quello di aver ottima padronanza dello swing, in tutte le sue forme, in particolare nella variante ad un braccio. Si inizierà ad eseguire degli swing ad un braccio, portando a portare il braccio armato ad un angolo di incidenza di circa 150-160° rispetto alla linea del corpo.

Massima accortezza sul fatto che la maggior oscillazione deriva da una spinta più vigorosa da parte delle gambe e non interessa minimamente gli arti superiori, né tanto meno la schiena. Giunti a questa situazione, procederemo nella nostra progressione didattica con la pratica di un altro esercizio che si pone in mezzo tra l’esecuzione dello swing e dello snatch, che è chiamato “high pull” o tirata alta.

HIGH PULL

Il Kettlebell High Pull è un ottimo esercizio per allenare il tuo corpo ed è anche propedeutico per l’esecuzione dello Snatch. La prima parte di questo movimento è simile allo Swing e finisce con una “gomitata” indietro. Consigliamo di iniziare con un peso basso perché curare la tecnica di esecuzione è la cosa più importante. Pertanto per padroneggiare lo snatch con i kettlebell bisogna imparare in ordine i seguenti esercizi:

  1. Swing
  2. High Pull
  3. Snatch

L’High Pull prevede di tirare verso il tronco il peso durante lo swing ad un braccio nel momento in cui, all’apice dell’oscillazione, il kettlebell è fermo nello spazio, per poi riportarlo nella posizione esatta per una corretta conclusione dell’esercizio. Questo esercizio è importante perché è la fase intermedia di uno snatch.

Il praticante in questa fase più tirerà rapidamente il kettlebell, più girerà rapidamente ed in modo preciso, adagiandosi senza traumi sull’avambraccio. Per questo il movimento deve essere sicuro e ben sincronizzato, ed è necessaria sensibilità e tecnica, virtù che si ottengono con la pratica come per un’arte marziale. Acquisito gradualmente l’high pull, andremo ad avvicinarsi al gesto dello snatch completo.

Una volta eseguita la tirata alta il nostro compito sarà quello di estendere rapidamente il braccio sopra la testa, invece di riportarlo nuovamente in posizione per eseguire un nuovo swing. Durante questo tentativo il kettlebell deve girare sopra il polso e per assimilare il gesto in modo non eccessivamente traumatico, buona norma è accompagnare la palla di ghisa, fino al contatto con l’avambraccio, con la mano libera.

Ricordate che l’impulso di questi esercizi deriva dalle gambe, le braccia sono solo “utensili” per eseguire il movimento. Lo Snatch usa molti muscoli del corpo e mette e richiede grande stabilità delle spalle, forza del core e potenza esplosiva. Questo esercizio è assolutamente e solo per atleti di livello avanzato.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Affondi con Salto Esplosivi
14 Febbraio 2019

Affondi con Salto Esplosivi

Esercizio per allenare quadricipiti e glutei a corpo libero

Gli affondi sono un esercizio straordinario per allenare quadricipiti e glutei in modo primario e bicipiti femorali e polpacci in modo secondario, in quanto questi muscoli hanno solamente compiti ausiliari di supporto. Se osserviamo attentamente il movimento dell'affondo in avanti, noteremo che questo esercizio non è altro che uno squat ad una gamba con l'altra gamba che funge d'appoggio. 

Man Makers
28 Marzo 2019

Man Makers

Esercizio - Circuito che Allena Tutto il Corpo

Il Man Makers è un esercizio funzionale, o meglio un circuito complex, molto in voga nel mondo del CrossFit. Si può eseguire con manubri (meglio se esagonali), kettlebell (meglio se competition) e bilanciere.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.