Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Kettlebell Snatch

data di redazione: 24 Maggio 2016
Kettlebell Snatch

Lo Snatch è il re degli esercizi per quanto riguarda l’allenamento funzionale con i kettlebells, non si può rinunciare ai benefici apportati da questo movimento in termini di esplosività e condizionamento, pertanto è doveroso impararne la tecnica, in quanto in questo genere di allenamento, và a braccetto con forza e condizione fisica.

Per eseguire un corretto Snatch valgono i medesimi fondamenti che si applicano per la spinta durante lo swing: la forza si propaga dalle gambe con una contrazione forte e rapida di gambe e glutei.

L’allievo, partendo nella posizione iniziale già descritta negli articoli dedicati allo swing, facendo oscillare il kettlebell in mezzo alle gambe, con un movimento rapido, costante ed ininterrotto, diciamo unico, la porta sopra la linea della testa a braccio esteso, facendo in modo che la palla di ghisa ruoti al di sopra del polso e si appoggi delicatamente sopra all'avambraccio. Quest’ultimo punto sarà forse la parte più difficile e dolorosa da apprendere ed imparare, soprattutto per i neofiti.

Nel momento che il carico arriva sopra la testa, il braccio deve essere sulla verticale e non andare in retro-posizione rispetto alla linea del capo per evitare inutile stress articolare al cingolo scapolo-omerale. Questo dettaglio è da curare con attenzione per la nostra sicurezza in quanto, sull’inerzia, è facile proseguire oltre con il movimento.

Nella posizione over head (punto alto dell’esercizio), l’atleta sosterà per qualche secondo, prima di eseguire una nuova ripetizione, e in quegli istanti avrà da curare l’allineamento del polso sull’avambraccio e la contrazione di tutti i distretti muscolari.

Questo esercizio è uno dei più complicati da eseguire in quanto i fattori da monitorare sono molteplici e lo stress, sia a livello muscolare distrettuale, sia a livello organico e cardiovascolare, è decisamente elevato.

Punto di partenza per arrivare alla conclusione corretta del movimento è quello di aver ottima padronanza dello swing, in tutte le sue forme, in particolare nella variante ad un braccio. Si inizierà ad eseguire degli swing ad un braccio, portando a portare il braccio armato ad un angolo di incidenza di circa 150-160° rispetto alla linea del corpo.

Massima accortezza sul fatto che la maggior oscillazione deriva da una spinta più vigorosa da parte delle gambe e non interessa minimamente gli arti superiori, né tanto meno la schiena. Giunti a questa situazione, procederemo nella nostra progressione didattica con la pratica di un altro esercizio che si pone in mezzo tra l’esecuzione dello swing e dello snatch, che è chiamato “high pull” o tirata alta.

HIGH PULL

Il Kettlebell High Pull è un ottimo esercizio per allenare il tuo corpo ed è anche propedeutico per l’esecuzione dello Snatch. La prima parte di questo movimento è simile allo Swing e finisce con una “gomitata” indietro. Consigliamo di iniziare con un peso basso perché curare la tecnica di esecuzione è la cosa più importante. Pertanto per padroneggiare lo snatch con i kettlebell bisogna imparare in ordine i seguenti esercizi:

  1. Swing
  2. High Pull
  3. Snatch

L’High Pull prevede di tirare verso il tronco il peso durante lo swing ad un braccio nel momento in cui, all’apice dell’oscillazione, il kettlebell è fermo nello spazio, per poi riportarlo nella posizione esatta per una corretta conclusione dell’esercizio. Questo esercizio è importante perché è la fase intermedia di uno snatch.

Il praticante in questa fase più tirerà rapidamente il kettlebell, più girerà rapidamente ed in modo preciso, adagiandosi senza traumi sull’avambraccio. Per questo il movimento deve essere sicuro e ben sincronizzato, ed è necessaria sensibilità e tecnica, virtù che si ottengono con la pratica come per un’arte marziale. Acquisito gradualmente l’high pull, andremo ad avvicinarsi al gesto dello snatch completo.

Una volta eseguita la tirata alta il nostro compito sarà quello di estendere rapidamente il braccio sopra la testa, invece di riportarlo nuovamente in posizione per eseguire un nuovo swing. Durante questo tentativo il kettlebell deve girare sopra il polso e per assimilare il gesto in modo non eccessivamente traumatico, buona norma è accompagnare la palla di ghisa, fino al contatto con l’avambraccio, con la mano libera.

Ricordate che l’impulso di questi esercizi deriva dalle gambe, le braccia sono solo “utensili” per eseguire il movimento. Lo Snatch usa molti muscoli del corpo e mette e richiede grande stabilità delle spalle, forza del core e potenza esplosiva. Questo esercizio è assolutamente e solo per atleti di livello avanzato.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Esercizio Funzionale il mini circuito "Bastard"
01 Ottobre 2014

Esercizio Funzionale il mini circuito "Bastard"

Esercizi Functional Training

è un esercizio veramente Duro e bastardo del FUNCTIONAL TRAINING.     Cos'è ? è un esercizio complesso formato da :   stacco da terra con girata al petto distensione in alto discesa con appoggio sul collo Squat  lento dietro in piedi con bilanciere good morning ritorno in posizione

Come Riuscire a Fare un Handstand Wall
20 Gennaio 2015

Come Riuscire a Fare un Handstand Wall

Fare una handstand (verticale) contro il muro non è un esercizio difficile da fare. Non richiede molta forza, quando viene fatta bene. Occorre solo un po' di coordinamento ed equilibrio. Quindi, il fatto di non averlo mai fatto prima, può essere la parte più difficile. Ma con un po' di pratica, chiunque sarà in grado di raggiungere questo obiettivo.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.