Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Settembre: Si Ricomincia con il Natural Bodybuilding

data di redazione: 01 Settembre 2019
Settembre: Si Ricomincia con il Natural Bodybuilding

Un programma di allenamento è paragonabile ad un tassello di un puzzle. Un programma di allenamento è composto da:

  • macrociclo
  • mesociclo
  • microciclo

Il mesociclo è l'unità di misura temporale usata solitamente in ambito sportivo (frequentemente nel culturismo e nel ciclismo dove le periodizzazioni sono fondamentali) per identificare i vari periodi in cui è suddiviso il macrociclo di allenamento a cui si sottopone un atleta.

Il mesociclo è caratterizzato dall'omogeneità degli obiettivi di allenamento per cui all'interno del macrociclo annuale si possono disporre diversi mesocicli come ad esempio un mesociclo per lo sviluppo della forza o mesocicli per la crescita muscolare. Il mesociclo a sua volta è suddiviso in microcicli.

Nel nostro sistema ABC ALLENAMENTO FIT abbiamo 4 MACROCICLI che abbiamo denominato

Un programma di allenamento che si rispetti deve sempre cominciare da una fase di preparazione, nel nostro sistema questa fase si chiama Capillarizzazione.

Capillarizzazione è una tipologia di allenamento che ha come scopo la riapertura dei capillari chiusi a causa di uno scarso, se non addirittura assente, allenamento fisico. 

Prima di iniziare un allenamento serio in palestra, è opportuno che i capillari del nostro corpo vengano riaperti per far si che il nostro organismo si ossigeni in modo corretto. 

La riapertura dei capillari dura all’incirca 4 settimane effettuando 3 sedute di allenamento settimanali.

Una cattiva circolazione non permetterà ai muscoli di crescere come dovrebbero e nemmeno di recuperare nei giorni di riposo. 

Le alte ripetizioni hanno un ruolo non solo muscolare ma anche funzionale in quanto preparano il fisico ai futuri allenamenti di sostanza (molto anabolici) con pesi enormi in esercizi come squat, stacco, trazioni, military press e panca piana con bilanciere.

Pertanto se siete stati fermi per un mese o due, e siete in una fase di ripresa degli allenamenti, vi invitiamo a provare il primo STEP del nostro sistema, ovvero la capillarizzazione.



Ci sono vari livelli di difficoltà, rispondete alle domande in maniera sincera ed il sistema vi fornirà immediatamente il programma di allenamento più adatto alle vostre caratteristiche.

    Scarica eBook

    Scarica eBook

    Potrebbe interessarti anche

    Quanto deve Durare il Vostro Allenamento?
    24 Novembre 2018

    Quanto deve Durare il Vostro Allenamento?

    Capire quando è arrivato il momento di terminare la sessione di allenamento e quando è tempo di sostituire il proprio programma o scheda di allenamento che non da più risultati...

    Quando il lavoro con i pesi può fare male?
    11 Maggio 2016

    Quando il lavoro con i pesi può fare male?

    L’allenamento con la ghisa fatto in maniera scorretta e sconsiderata, può provocare lesioni ai muscoli, ai legamenti alle articolazioni, per non parlare della schiena.

    L’allenamento con i sovraccarichi effettuato in maniera scorretta, una scorretta organizzazione della sessione di lavoro, in particolar modo la mancanza di un’adeguata fase di riscaldamento, di defaticamento e degli esercizi specifici di stretching può diventare un fattore predisponente al rischio di lesioni. 

    Ultimi post pubblicati

    Super Allenamento Per i Pettorali
    19 Febbraio 2020

    Super Allenamento Per i Pettorali

    Lo sbaglio che effettuano moltissimi praticanti in palestra, in merito all’allenamento dei pettorali, è quello di concentrarsi esclusivamente sulle distensioni su panca piana con bilanciere. Questo esercizio base è importante, in quanto permette di aumentare la forza di base, ma non è esaustivo per incrementare la massa muscolare dei pettorali.

    Deltoidi: Cosa c'è da Sapere
    17 Febbraio 2020

    Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

    Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo.