Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ecco come puoi ridurre lo zucchero nella tua dieta

data di redazione: 03 Febbraio 2016
Ecco come puoi ridurre lo zucchero nella tua dieta

8 Alternative al comune zucchero da tavola

Cinquanta grammi.

50 gr. di zucchero è il tetto quotidiano degli zuccheri aggiunti raccomandato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il consumatore medio. Fortunatamente, le alternative allo zucchero artificiale e naturale possono contribuire a prendere efficacemente a calci il circolo vizioso della voglia di zuccheri.

Il cervello riceve una ricompensa o una risposta dolce dai dolcificanti.

In generale quando le persone sostituiscono le bevande zuccherate con quelle dolcificate artificialmente, mangiano meno zucchero, meno calorie e perdono peso, ma i risvolti negativi sulla salute non sempre sono chiari.

I dolcificanti artificiali come l'aspartame e sucralosio (E955) sono utilizzati come additivi alimentari. Le prove scientifiche non dimostrano molti effetti negativi ma ci sono tante prove aneddotiche di problemi di salute che questi provocano.

I polialcoli, come l’eritritolo e lo xilitolo, sono carboidrati a basso contenuto calorico e si trovano nelle piante trasformate in vendita come sostituti dello zucchero da tavola.

Lo stevia raffinato ed l’estratto di monaco frutta sono dolcificanti naturali generalmente considerati sicuri.

Se stai cercando di fare una dieta povera di zucchero, senza rinunciare al “dolce” prova uno di questi dolcificanti naturali.

1. MIELE

Efficace anche come sedativo della tosse, il miele ha elevate proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche.

Un cucchiaio contiene 64 Calorie

2. SCIROPPO D’ACERO

Contiene almeno 24 sostanze diverse e notevoli quantità di alcuni minerali.

Un cucchiaio contiene 52 Calorie

3. SCIROPPO DI YACÒN

È una buona fonte di frutto oligosaccaridi (FOS), che alimentano la flora batterica intestinale con diversi benefici per la salute.

Un cucchiaio contiene 21 Calorie

4. MELASSA

Secondo quanto è stato riferito si tratta anche di un blando lassativo, e contiene alcuni minerali benefici per la salute.

Un cucchiaio contiene 58 Calorie

5. STEVIA

Circa 200 volte più dolce dello zucchero sembra ridurre l'infiammazione a dosi moderate.

Un cucchiaio contiene 0 Calorie

6. MONACO FRUTTA

Chiamato anche "luo han guo" è 300 volte più dolce dello zucchero grazie al suo contenuto di mogrosides (saponine).

Un cucchiaio contiene 0 Calorie

7. ZUCCHERO DI DATTERO

Realizzato con datteri secchi tritati finemente contiene proprietà antiossidanti.

Un cucchiaio contiene 10 Calorie

8. ZUCCHERO DI COCCO

Contiene inulina, una fibra prebiotica benefica; ha un indice glicemico inferiore (35) rispetto allo zucchero (58).

Un cucchiaio contiene 10 Calorie

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Comprendere i Carboidrati dalla A alla Z parte 1
01 Ottobre 2014

Comprendere i Carboidrati dalla A alla Z parte 1

Le nuove basi sui carboidrati

Le nuove basi sui Carboidrati Che cosa sono i carboidrati? I carboidrati, insieme a grassi e proteine, sono uno dei tre principali classi di alimenti chiamati nutrienti. I carboidrati sono composti organici costituiti principalmente da zuccheri, amidi e fibre.

Tacchino e Benefici Nutrizionali
01 Ottobre 2014

Tacchino e Benefici Nutrizionali

Il tacchino è a basso contenuto di grassi saturi e ricco di proteine, ha più proteine del pollo o manzo. Esso contiene una quantità sufficiente di aminoacidi essenziali per promuovere la crescita muscolare lo sviluppo fisico in generale. Il tacchino è anche una fonte economica di ferro

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.